Reinventarsi il concetto di "babushka"

Lezione di ginnastica per donne di terza età (Foto: Yakov Andreev / RIA Novosti)

Lezione di ginnastica per donne di terza età (Foto: Yakov Andreev / RIA Novosti)

Le nonne russe erano solite trascorrere il loro tempo a occuparsi di nipotini e giardinaggio. Oggi, invece, le pensionate svolgono tante altre attività, anche online

A stento si potrebbe definire Olga Kuznetsova, che danza leggiadra in una sala da ballo con un abito elegante e i tacchi alti, una babushka, termine russo per designare le nonne.

Il recente pensionamento ha offerto a questa 55enne l’occasione di dedicarsi a qualcosa che aveva a lungo desiderato: imparare a ballare il tango. E il fatto di essere la più anziana del suo gruppo non costituisce per lei un deterrente. Nella nuova routine di Kuznetsova ci sono adesso appuntamenti con le amiche al termine della lezione, e il progetto di  un viaggio con loro in Europa ad aprile 2013. “Ho allevato due figli, ho fatto tre mestieri e adesso voglio soltanto dedicarmi a me stessa”, ha detto.

Se in altre parti del mondo attività di questo tipo sono del tutto consuete per le donne che vanno in pensione, in Russia sono una vera e propria novità: l’immagine tradizionale della nonnina russa è quella di una donna anziana che se ne sta seduta su una panchina fuori dal suo condominio e vigila sui  nipotini che giocano lì accanto, mentre chiacchiera e spettegola.

L’essere entrate in contatto con altre lavoratrici in pensione giramondo – sia direttamente, sia grazie al cinema e alle riviste – ha fatto sì che le russe abbiano sviluppato nuove idee su che cosa fare dopo essere sfuggite al tran tran quotidiano. Oggi andare in pensione può significare imparare un nuovo sport o dedicarsi a un hobby, chattare online, aiutare non solo i propri familiari ma anche la società.

“Mia madre ha 62 anni e non si può certo dire che sia una babushka -, racconta Yulia Bushueva, amministratrice delegata di Arbat Capital’s New Kremlin Fund. - È andata in pensione un paio di anni fa, ha imparato a guidare e adesso ha in mente di frequentare corsi di fotografia e di inglese”.

Altre signore usano la tecnologia per rinverdire un vecchio passatempo. “Mia nonna scarica modelli computerizzati di ricami e li utilizza per mezzo di macchine da cucire speciali - aggiunge la studentessa Yulia Vedinina. - Se non capisce qualcosa, va da sola a cercarsi su Skype un video tutorial”.

All’improvviso a Mosca un po’ ovunque stanno moltiplicandosi i corsi per il benessere fisico e spirituale rivolti alle persone più anziane. Da poco presso il centro delle esposizioni russe (Vvts), nella parte settentrionale di Mosca, ha aperto una scuola di ballo per senior. Il centro dei servizi sociali Mitino nella regione di Mosca ospita un teatrino di marionette per dilettanti. Nell’ambito del progetto “L’età della felicità”, messo a punto da Vladimir Yakovlev, fondatore del quotidiano d’affari Kommersant, si svolgono seminari su come vivere, mangiare, e tenersi occupati a prescindere dall’età e dagli stereotipi sociali.

Questo tipo di pensionamento molto più attivo non è in grande diffusione soltanto a Mosca e a San Pietroburgo. A 70 anni Gertruda Pankrushina, ex anestesista di Novosibirsk, si è iscritta a un corso di informatica: “Non è stato facile, ma sono arrivata fino in fondo e adesso posso parlare con Skype con i miei nipoti, scrivere e-mail e cercare ricette online”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie