Dieci cose da sapere sulla celebre stazione spaziale sovietica e russa “Mir”

Fu affondata nel marzo 2001 nell’Oceano Pacifico, dopo 15 anni di onorato servizio

1 / Ha reso possibile la Stazione Spaziale Internazionale

La stazione spaziale Mir

Quando l’Urss lanciò in orbita la stazione spaziale Mir nel 1986, divenne la prima stazione modulare con equipaggio. Per molto tempo, la Mir è stata l’unica piattaforma per testare e prepararsi a periodi prolungati di lavoro nello Spazio. Da allora è stata frequentata da molti astronauti di vari Paesi. Le lezioni apprese nel corso degli anni, tra le altre cose, hanno contribuito a migliorare la progettazione della Stazione Spaziale Internazionale, andata in orbita nel 1998.

LEGGI ANCHE: Che fine farà la Stazione Spaziale Internazionale? 

2 / Ha permesso di stabilire tre record mondiali

Il comandante della missione MIR-19 Mission, Anatolij Y. Solovjev

La stazione era stata specificamente pensata per ospitare missioni spaziali prolungate. Non sorprende che due record mondiali riguardanti il periodo più lungo nello Spazio, sia tra gli uomini che tra le donne, siano stati stabiliti sulla stazione Mir, rispettivamente dal cosmonauta russo Valerij Poljakov (437 giorni 18 ore) e dall’astronauta americana Shannon Lucid (188 giorni). Il record femminile è stato poi più volte migliorato e appartiene da 2019 alla statunitense Christina Koch con 289 giorni.

Il cosmonauta russo Anatolij Solovjóv detiene invece il record mondiale di passeggiate spaziali: 16 in totale, e di tempo accumulato nelle passeggiate spaziali: 82 ore. Tutte eseguite quando era a bordo della stazione spaziale Mir.

LEGGI ANCHE: Perché in Russia gli astronauti vengono chiamati “cosmonauti”? 

3 / Divenne il simbolo dell’amicizia internazionale

L'equipaggio spaziale sovietico-britannico: Helen Sharman, Sergej Krikalev e Anatolij Artsebarskij

Il primo equipaggio occidentale salì a bordo della stazione russa Mir nel 1995. In totale, oltre ai sovietici/russi l’hanno popolata astronauti provenienti da Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Austria, Germania, Francia, Giappone, Slovacchia, Bulgaria, Siria e persino Afghanistan (nel 1988), trasformandola in un simbolo di collaborazione internazionale in nome della scienza.

La stazione ha ospitato anche, dal febbraio all’agosto 1990, il vessillo della pace, simbolo del “Patto Roerich” (risalente al 1935), la prima dichiarazione internazionale che intendeva obbligare le nazioni a rispettare, in caso di conflitto, i musei, le università, le cattedrali e le biblioteche così come si faceva per gli ospedali.

4 / Fu parte di un programma congiunto con la navetta americana Space Shuttle

Questa vista dello Space Shuttle Atlantis ancora collegato alla stazione spaziale russa Mir è stata fotografata dall'equipaggio della Mir-19 il 4 luglio 1995

Il programma Mir-Shuttle, avviato nel 1993, era una grande collaborazione tra le agenzie spaziali degli Stati Uniti e della Russia. Per quattro anni, i cosmonauti russi utilizzarono navette di fabbricazione americana per raggiungere la stazione Mir e gli astronauti americani utilizzarono la navicella Sojuz per impegnarsi in missioni di lunga durata a bordo della stazione spaziale Mir. Il programma terminò nel 1998.

5 / Sopravvisse a un grave incidente


La collisione che danneggiò i pannelli solari

L’incidente più grave avvenne il 25 giugno 1997, quando un errore nel nuovo sistema di controllo e avvicinamento causò, al momento dell’attracco, la collisione tra la navicella da trasporto Progress M-34 e il modulo Spektr della stazione Mir.

L’urto danneggiò i pannelli solari, causando una grave perdita di potenza elettrica sulla stazione. Si rivelò impossibile riparare il modulo danneggiato, quindi i cosmonauti lo dovettero semplicemente sigillare. Rimase così fino a quando la Mir non venne affondata nell’Oceano Pacifico nel 2001.

6 / Ha ispirato registi e progettisti di giochi per computer

Una scena tratta dal film

La stazione Mir è apparsa nella cultura popolare moltissime volte. La si vede in film come “Armageddon - Giudizio finale” (1998), “Virus” (1999) e “Iron Sky” (2012), nonché in giochi per computer come “Command & Conquer: Red Alert 3” e “Fallout Tactics: Brotherhood of Steel”. In “Armageddon” il cosmonauta russo Lev Andropov, interpretato dall’attore svedese Peter Stormare, viene rappresentato con molti stereotipi: sempre ubriaco a bordo (sic) e con il colbacco in testa!

7 / È stata nello Spazio per 15 anni

Gli interni della stazione, 1986

In totale, la prima stazione modulare con equipaggio è stata 5.511 giorni nell’orbita terrestre.

8 / Ha ospitato più di 23 mila esperimenti scientifici

Il cosmonauta Aleksandr Volkov durante una passeggiata spaziale

Tra le altre cose, le missioni sulla stazione spaziale Mir hanno aiutato gli scienziati a capire i terremoti in modo più accurato.

9 / Alla fine si logorò e fu dismessa

L'istruttore russo Oleg Pushkar assistito dai sommozzatori durante i test subacquei su una replica della stazione spaziale Mir danneggiata il 4 luglio 1997

Con il tempo, i continui guasti alla stazione spaziale Mir indicarono che era diventata obsoleta. Sostenere il suo funzionamento richiedeva investimenti sempre più importanti. Così, il 23 marzo 2001 la stazione venne fatta cadere in una zona remota nell’Oceano Pacifico nota come “Cimitero dei veicoli spaziali”.

Dopo che la leggendaria stazione orbitante fu sepolta sott’acqua, si diffusero leggende metropolitane sul fatto che la sua disattivazione fosse stata provocata per scongiurare i pericoli di un virus mortale di origine extraterrestre rinvenuto a bordo.

10 / Ha dato nome a un asteroide

La stazione Mir, 12 giugno 1998

Pochi mesi dopo il suo affondamento, l’astronomo belga Eric Walter Elst ha scoperto un asteroide, a cui è stato dato il nome di “11881 Mirstation”.


Quante persone sono state finora sulla Stazione Spaziale Internazionale? E quanti russi? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie