Kalashnikov ha creato nuovi missili adatti per la difesa contro i droni

Vitalij Timkiv/Sputnik
Diventeranno parte integrante del sistema terra-aria “9K35 Strela-10M” e difenderanno le truppe da voli a bassa e bassissima quota e delle nuove armi aeree improvvisate di cui fanno uso i terroristi

L’azienda Kalashnikov all’inizio del 2021 ha lanciato la produzione in serie del nuovo missile guidato 9M333, progettato per i sistemi antiaerei della famiglia 9K35 Strela-10M. L’arma sarà consegnata alle forze armate del Ministero della Difesa russo.

Come fa notare la Kalashnikov, le nuove munizioni sono del tipo “Fire-and-forget”. “Questo significa che individui il bersaglio, premi un pulsante, spari un missile e ti concentri già su un nuovo bersaglio mentre il missile colpisce il bersaglio nel 99,9% dei casi”, ha detto Vadim Kozulin, professore all’Accademia di scienze militari.

Secondo lui, la caratteristica distintiva del missile è il sistema “autoguidato”, che opera in tre modalità. “In particolare, si tratta di modalità di contrasto fotografico, infrarossi e interferenza. Questo è il più grande vantaggio rispetto ad altre munizioni di questa classe “, ha osservato l’esperto.

Il missile 9M333 è progettato per distruggere aerei ed elicotteri a bassa quota in qualsiasi momento dell’anno in condizioni di interferenza ottica da parte del nemico, nonché droni e missili da crociera.

I sistemi missilistici antiaerei della famiglia Strela-10M sono progettati per proteggere le unità militari in battaglia e in marcia dagli attacchi aerei e dai veicoli da ricognizione che volano a quote basse e bassissime (nap-of-the-earth). Al momento, sono tra i sistemi di difesa aerea più comuni al mondo.

Come ritiene l’esperto, questi missili con testate ad alto potenziale esplosivo saranno utilizzati principalmente per difendere truppe russe e straniere contro le armate di droni.

“Ci sono diversi motivi per cui i droni sono diventati l’arma principale dei terroristi. In primo luogo, per eseguire un attacco, andrà bene qualsiasi drone economico e di base, che qualsiasi ingegnere può trasformare attaccandovi esplosivi improvvisati. In secondo luogo, tutti i sistemi di difesa aerea delle maggiori potenze mondiali sono destinati alla distruzione di caccia, bombardieri, missili da crociera, ecc.”, afferma il professore.

In altre parole, si tratta di armi molto costose, con missili costosi, puntati contro sistemi altrettanto costosi. Sparare con sistemi missilistici di difesa aerea S-400 o TOR contro piccoli droni improvvisati è costoso e inefficiente.

Quindi le truppe avevano bisogno di un’arma più economica ma comunque efficace che contrastasse questo tipo di minacce che vengono dai droni.

Secondo lui, Strela-10M si differenzia dalle sue controparti russe e straniere per le sue testate orientate di ultima generazione che rendono difficile abbatterlo. “Anche con l’uso di trappole termiche, è diventato molto più difficile per il nemico abbattere un missile sparato dal sistema di difesa aerea Strela-10 M”, ha osservato l’esperto.


I tre più grandi affari della Russia nell’esportazione di armi nel XXI secolo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie