In una grotta dell'Estremo oriente russo scoperte specie estinte e sconosciute di mammifero pika

airboy123/Visualhunt
La notizia potrebbe rovesciare le credenze scientifiche fino ad ora diffuse su questi piccoli animali

Nella famosa riserva naturale la Terra del Leopardo, nel Territorio del Litorale, (Primorskij kraj), nell’Estremo oriente russo, sono stati scoperti un nuovo sottogenere e delle nuove specie ormai estinte di pika, piccoli mammiferi imparentati con i conigli. 

La notizia è stata pubblicata sul sito del parco. 

“Gli scienziati hanno trovato i resti di antichi pika, risalenti a 10.000-51.000 anni fa - si legge nella pubblicazione -. La scoperta è stata fatta nella grotta calcarea di Sukhaya, situata a pochi chilometri dal villaggio di Barabash. I resti sono stati raccolti negli strati superiori e inferiori dei sedimenti situati in fondo alla grotta, lunga 21 metri. Le analisi di laboratorio delle ossa e dei denti estratti hanno dimostrato che non appartengono a nessuna delle sottospecie di pica conosciute oggi dalla scienza”.

Un simile ritrovamento rovescia le credenze scientifiche su questi piccoli animali, poiché si pensava che tutti gli antichi parenti di questa specie fossero scomparsi molto prima.

“Tutti i rappresentanti dei generi fossili dei pika si sono estinti nel primo Pleistocene (circa un milione di anni fa). A tal proposito, non è nemmeno la descrizione delle tre nuove specie e del nuovo genere di pica a essere di grande interesse, bensì la loro presenza negli strati sedimentari del tardo Pleistocene (126.000 - 11.700 anni fa) -  spiega il professor Mikhail Tiunov, PhD in scienze biologiche -. Questa scoperta suggerisce che, nel tardo Pleistocene, le condizioni paleogeografiche e climatiche di questo territorio hanno permesso l'esistenza di alcune specie già estintesi altrove, e che hanno probabilmente contribuito alla formazione di nuove specie”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie