Archeologi trovano un “i-Phone” di 2.100 anni fa in una tomba nella Repubblica di Tuva

Il misterioso oggetto di forma rettangolare è stato rinvenuto vicino a uno scheletro nella cosiddetta “Atlantide russa”

Eccezionale scoperta in una tomba nel sito di scavo di Ala-Tey, nella Repubblica di Tuva, in Russia: gli archeologi hanno riportato alla luce un “i-Phone” risalente a... 2.100 anni fa!

Dagli scavi è emerso infatti lo scheletro di una donna, ribattezzata Natasha, accompagnato da un curioso oggetto rettangolare, molto simile per forma e dimensioni al moderno smartphone della Apple. 

L’oggetto, caratterizzato da una serie di buchi nella parte superiore e inferiore che ricordato in tutto e per tutto l’iPhone, si è rivelato essere la fibbia di una antichissima cintura grande 18 x 9 cm. La fibbia è realizzata con pietre preziose intarsiate con turchese, corniola e madreperla, e decorata con monete cinesi. 

La straordinaria scoperta è stata fatta nella cosiddetta Atlantide russa, una regione montuosa della Siberia, così chiamata perché è ricoperta d'acqua per buona parte dell’anno. Gli archeologi hanno infatti spiegato di essere alle prese con una vera e propria corsa contro il tempo, nel tentativo di identificare e riportare alla luce la maggior parte di resti possibile, prima che l’acqua torni nuovamente a ricoprire il sito.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie