Otto giovani geni informatici russi si sono aggiudicati la partecipazione alla WWDC di Apple

Archivio personale
La Apple World Wide Developers Conference, che quest’anno si tiene dal 3 al 7 giugno, è ambitissima tra gli addetti ai lavori, e finire in California con una borsa di studio è una incredibile soddisfazione

Una sera d’aprile, il diciassettenne di San Pietroburgo Kirill Averjanov attendeva una email molto importante. Non arrivava, e finì per addormentarsi. Ma ridestandosi nel corso della notte, corse al computer e vide che c’era un nuovo messaggio. Il titolo era “Lei ha vinto”. Così il giovane sviluppatore di software ha visto realizzarsi il suo sogno: andare al WWDC (Apple World Wide Developers Conference), la cui edizione 2019 si tiene dal 3 al 7 giugno.

Potervi partecipare è la gioia di qualsiasi programmatore informatico, perché questa è l’unica opportunità per parlare direttamente con gli ingegneri Apple, ottenere consigli su come migliorare il codice e vedere i top manager di una delle aziende più importanti al mondo. 

Ma non ci sono certo abbastanza posti per tutti quelli che vorrebbero partecipare alla conferenza WWDC, e quindi i biglietti d’ingresso vengono assegnati per sorteggio, e i vincitori devono ancora pagare 1.600 $ (circa 1.430 euro) per la partecipazione, senza contare il volo per gli Stati Uniti e l’alloggio nella costosa Silicon Valley. 

Per gli studenti più bravi, però, sia di scuola superiore che universitari, c’è la possibilità di arrivare al WWDC completamente gratis, aggiudicandosi una delle borse di studio (WWDC Scholarship) che coprono tutte le spese, scrivendo un programma informatico appositamente per la competizione. Questo è il modo grazie al quale otto russi quest’anno sono presenti alla conferenza (i qualificati erano di più, ma non tutti sono riusciti a ottenere il visto per gli Usa). 

Lavoro, studio e progetti indipendenti 

La maggior parte dei russi sarà presente quest’anno al WWDC per la prima volta. Ma il diciottenne moscovita Filipp Zakharchenko andrà a San Jose per la quarta volta consecutiva. Filipp è il primo e finora unico studente nella storia che è riuscito a partecipare così tante volte. Si è già iscritto a distanza a sette università in giro per il mondo, e ora sceglie solo il meglio, e il suo curriculum ricorda quello di un direttore tecnico o di uno startupper con molti anni di esperienza. Ha co-fondato la piattaforma online per la creazione di sondaggi e moduli CrowdBack, fondato uno studio di sviluppo con esperti di tutto il mondo e realizzato numerose app. 

Philip Zakharchenko

I risultati degli altri vincitori della borsa di studio non sono meno impressionanti. Tutti, parallelamente allo studio, lavorano in grandi aziende informatiche e hanno già lanciato o stanno per lanciare loro progetti. 

Il ventiquattrenne Aleksej Teplonogov studia in una delle migliori università tecnologiche della Russia, l’Università tecnica statale moscovita “Bauman”, e lavora in una delle più grandi banche private russe, la Tinkoff. “Quando entrato lì al lavoro, ho visto che molti sviluppatori di iOS avevano del merchandising del WWDC. E mi sono detto: ‘Wow, ma quindi è possibile andarci?’. Avevo sempre pensato che fosse un evento per degli eletti. Ma alla fine, tutto è reale”, afferma Aleksej. 

Aleksej Teplonogov

Kirill Averjanov, di San Pietroburgo, sarebbe potuto andare al WWDC l’anno scorso acquistando un biglietto con l’aiuto di uno dei giganti della tecnologia russa, Mail.Ru Group, dove lavora. Ma ha rifiutato, perché voleva vincere con le sue sole forze la borsa di studio. A Mail.Ru sta lavorando ad applicazioni aziendali sul social network Vk, il più popolare in Russia. Inoltre, l’anno scorso Averjanov ha creato in modo indipendente l’app Klever per iOS: un gioco a quiz in tempo reale, giocato da milioni di persone. Kirill sovrintende anche alle riunioni degli sviluppatori di CocoaHeads in Russia e sta lavorando a una sua applicazione, “Green”, per la meditazione.

Kirill Averyanov

Ha però lasciato la scuola. “Quando alla fine del decimo anno di scuola (l’anno scorso) mi è stata fatta un’offerta di lavoro da Vk, ho soppesato tutti i rischi e ho capito che era meglio andare al lavoro e svilupparsi professionalmente, piuttosto che ristagnare. Mi sono trasferito a una scuola privata, come studente esterno. Pensavo che avrei fatto qualcosa nei weekend, ma poi non ci sono riuscito, e l’ho abbandonata”, spiega Averjanov. Questo, tuttavia, non gli ha impedito di entrare nella lista “I migliori 30 sotto i 30 anni” dell’edizione russa di “Forbes”.

Come piacere ad Apple 

Apple dà più importanza all’originalità dell’idea nei lavori per il concorso, che non ad altri aspetti formali, dice Artjom Belkov, moscovita di 21 anni. In due sere di lavoro questo studente del quarto anno della Baumanka (come viene informalmente chiamata l’Università tecnica Bauman) ha creato un laboratorio virtuale per esperimenti. “Con l’aiuto del mio progetto, gli studenti saranno in grado di studiare sia la programmazione informatica che la fisica. Per ottenere il modello di un fenomeno fisico, dovranno infatti scriverlo sotto forma di codice”, dice Belkov. Lavora anche lui, part time, a Mail.Ru Group ormai da due anni, e ha un elenco di idee per suoi progetti futuri.

Artyom Belkov

A differenza di Belkov, il ventitreenne Anatolij Jagov ha lavorato per un mese intero al progetto per il concorso, ogni sera, e ha realizzato un modello di aeroporto (customisable airport model) che funziona con la teoria delle code in un contesto di realtà aumentata. Jagov lavora per la società “Expert-sistema”, realizzando app che aiutano, con l’automazione dei processi, broker e operatori della finanza. 

Come Anatolij Jagov, anche Anton Mulko studia a San Pietroburgo presso la prestigiosa Università di tecnologia e telecomunicazioni Bonch-Bruevich, ed è un collega di Aleksej Teplonogov allo sviluppo di iOS in Tinkoff Bank. Anton ha 22 anni e ha iniziato a studiare Swift, il linguaggio di programmazione di Apple, solo quattro mesi fa.

Anatolij Yagov

Anton ha in programma di migliorare la sua applicazione, sviluppata per il concorso, e di rilasciarla nell’AppStore come gioco a tutti gli effetti. È un videogame in stile SuperMario con controllo vocale. L’applicazione analizza il suono in tempo reale e lo traduce in comandi: “Più urli forte, più velocemente il personaggio si muove. È molto divertente da vedere dall’esterno: con le persone che gridano come pazzi contro lo smartphone.”

Anton Mulko

La Developer Academy di Napoli

Vasilij Martin è diventato di nuovo studente all’età di 40 anni e ha vinto la borsa di studio WWDC di Apple. In precedenza, ha lavorato in una grande azienda tecnologica, quindi è diventato un analista aziendale. Ha lasciato questa buona posizione per iscriversi, in Italia, all’Apple Developer Academy di Napoli (dove circa 350 persone studiano per nove mesi) e poi avviare un’attività. 

Il cinque per cento dei migliori studenti riceve una borsa di studio aziendale e Vasilij è tra questi. Secondo lui, la Apple Developer Academy non somiglia a un’università, ma a una comunità di persone con gli occhi che brillano di passione, che si scambiano idee, creano qualcosa di nuovo, partecipano a vari hackathon.

Vasilij Martin

Il suo progetto in accademia è l’applicazione Colors Keeper. “Insegna ai bambini un particolare tipo di ragionamento; il pensiero computazionale. Questa non è programmazione, ma la capacità di individuare e risolvere un problema in modo tale che un computer possa aiutarti”, afferma Martin. 

La sua applicazione utilizza una realtà mista: i disegni fatti a mano devono essere fotografati e trasformati in oggetti di gioco in modo che il personaggio possa muoversi attraverso il livello. Da soli, questo non funziona: è scomodo lasciare continuamente l’iPad e prendere la carta: l’applicazione è progettata per il lavoro di squadra di diversi bambini. “Uno degli obiettivi è quello di far sembrare la cosa non apprendimento, ma un gioco”, dice Vasilij. 

Andarsene o rimanere in Russia? 

Il ventunenne Jakov Manshin studia alla Higher School of Economics di Mosca (una delle principali Università economiche russe) e sviluppa applicazioni aziendali per le boutique Chanel in Russia. Nel suo tempo libero sviluppa la sua app Space Photos, dove si possono vedere nuove foto della Nasa di stelle, pianeti e altri corpi celesti e leggere informazioni su di loro. 

Un paio di anni fa, ha scaricato un e-book gratuito di Apple e ha iniziato ad approfondire lo sviluppo in linguaggio Swift. 

Yakov Manshin

“Il mio esempio mostra che per ottenere un lavoro e fare cose serie, è sufficiente un anno di formazione. Allo stesso tempo, c’è una grave carenza di specialisti sul mercato. Per questo ci sono stipendi così alti”, dice Jacob.

All’estero, gli sviluppatori mobile sono pagati molto di più, ma i costi sono più alti, si dice sicuro Anatolij Jagov. “I nostri sviluppatori all’estero possono finire per guadagnare meno che in Russia, se calcoliamo il loro profitto netto”, spiega. 

“Incontro sempre più persone che dicono: ‘È bello e comodo anche vivere in Russia’. Posso affittare un appartamento nel centro di San Pietroburgo al prezzo di una stanzetta alla periferia di San Francisco”, dice Kirill Averjanov. 

Il problema è che non ci sono così tante aziende interessanti in Russia, ritiene Jakov Manshin. “Qui puoi ottenere uno stipendio arbitrariamente grande e lavorare a progetti noiosi. Mentre in altri Paesi, magari ricevi uno stipendio più basso, ma puoi essere coinvolto in cose davvero interessanti”, dice. 

In ogni caso, gli sviluppatori russi sono molto bravi e preparati, e questa è un’opinione diffusa nel mondo, sottolinea Kirill Averjanov. “Ecco perché vengono ricercati da grandi aziende globali come Badoo e Facebook”, dice.

 

Da quali universitàprovengono i piùinnovativi imprenditori tech russi? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie