Gli Usa fanno shopping di IT in Russia, e non comprano startup, ma cervelli

Global Look Press, Pixabay, Dale Cruse/Flickr
Nei giorni passati una delle più promettenti aziende internet dell’Est europeo, Teleport, è stata svuotata dall’interno da Snap, che non ha acquisito la società, ma i suoi ingegneri e la sua tecnologia

La scorsa settimana, i media russi e ucraini hanno diffuso la notizia che Teleport, un’app basata sull’intelligenza artificiale che aiuta a cambiare il colore dei capelli nei selfie, è stata venduta a Snap per 8 milioni di dollari. I fondatori della startup hanno affermato che la loro tecnologia di elaborazione dell’immagine è “la migliore del mondo”. 

La notizia di questa acquisizione, tuttavia, si è rivelata esagerata. Secondo “East-West Digital News”, un portale dedicato alle industrie digitali russe, Snap Inc. ha acquistato la tecnologia e il team di Teleport, svuotando praticamente la società di qualsiasi sostanza.

“Siamo entusiasti che alcuni ingegneri di Teleport si uniranno al team di Snap Inc.. Tuttavia, non abbiamo acquisito la società, quindi le voci su un accordo o acquisizione sono semplicemente imprecise”, ha affermato Snap. Secondo un ex dipendente di Teleport, Snap era interessato ai “cervelli” della compagnia. “È quello che abbiamo venduto loro, non la società stessa”, ha spiegato. 

Tecnologia russa è sinonimo di tecnologia economica?

“Le tensioni politiche e persino le sanzioni non sono un ostacolo per gli investitori che vedono progetti promettenti”, ritiene Katya Dorozhkina, amministratore delegato di Starta Ventures, un fondo per l’avviamento di attività con sede a New York.

“Ad esempio,una delle startup del nostro portfolio, la bielorussa Friendly Data, è stata recentemente acquisita da ServiceNow, che rientra nella classifica di Forbes delle aziende più innovative.” Tuttavia, per far sì che ciò accada, i fondatori delle startup hanno partecipato a un programma di accelerazione negli Stati Uniti. 

Le compagnie internazionali comprendono che l’ex Unione Sovietica ospita una pletora di ottimi programmatori IT, ritiene Adrien Henni, co-fondatore di “East-West Digital News”. Tuttavia, la situazione politica ha un certo impatto. 

“I venture capital occidentali hanno praticamente lasciato la Russia, anche se gli investimenti nelle start-up non sono formalmente vietati dal regime sanzionatorio, e sono da sempre poco presenti in Ucraina”, ha detto Henni. “In termini di acquisizioni, una startup russa o ucraina ha maggiori possibilità di attirare l’attenzione se sposta il proprio quartier generale e una parte sostanziale della propria attività in un Paese occidentale”. 

Le società del portfolio di Starta con radici in Russia o nell’Europa dell’Est di solito si organizzano come società statunitensi quando entrano nel mercato Usa. “Così non si posizionano più come una società straniera, e nella maggior parte dei casi sono in grado di ottenere un prezzo equo”, ha detto Dorozhkina. 

Tuttavia, in una fase iniziale, le aziende provenienti dalla Russia o dall’Europa dell’Est sono sottovalutate in America. Una società da 2 milioni di dollari a New York, ha spiegato Dorozhkina, ha quel valore in presenza di una buona idea e forse un fondatore importante, ma una società di Mosca o Kiev, per avere la stessa valutazione, deve presentare già un prototipo funzionante e le prime vendite. 

La necessità di uno sguardo globale 

Alcuni esperti ritengono che Teleport avrebbe dovuto essere venduta per 50 milioni $ anziché per 8 milioni $. Solo un paio di anni fa, Snapchat ha pagato 150 milioni $ per Looksery, un’altra startup con radici russe e ucraine che fornisce tecnologie di tracciamento e modifica per video in tempo reale e soluzioni mobile di social engagement. 

Le startup della Russia e dell’Europa dell’Est vendono a buon mercato quando non riescono ad apparire come una società globale, ha spiegato Gary Fowler, un imprenditore statunitense, co-fondatore di Yva.ai e amministratore delegato di DY Investments. 

Le aziende tecnologiche globali acquistano cervelli e tecnologia perché è quello che viene loro offerto. “Non vedono valore nel business”, ha detto Fowler. “L’azienda deve essere configurata in modo che chiunque la acquisti veda l’incredibile valore che ogni parte del business ha da offrire nel suo complesso.” 

La mancanza di competenze di marketing di base determina anche il futuro della maggior parte delle startup russe. “Le startup devono assicurarsi che uno dei loro fondatori abbia un background di marketing, vendite e sviluppo del business”, crede Fowler. “Questo avrà un impatto fondamentale sul prezzo delle startup e farà sì che gli investitori siano molto più a loro agio”.

Fowler consiglia agli imprenditori russi di seguire semplici regole per il successo, come diventare globali fondando una società negli Stati Uniti, ad esempio nel Delaware, e trovando un co-fondatore con esperienza nelle vendite, nel marketing, nello sviluppo del business e nelle operazioni internazionali.

“Trovate poi una sede vicino a dove sono i soldi”, consiglia Fowler. “Nella Silicon Valley dicono che non dovreste essere più a 30 minuti di guida dal venture capitalist e anche dal banchiere che ti aiuterà a vendere la compagnia.”

 

Il monopolio delle emoji: perchélApp Store ostacola una nuova app russa? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie