Gli scienziati russi hanno scoperto una nuova arma del batterio E. Coli

Getty Images
Vive nel nostri intestini e normalmente non è pericoloso, e anzi contribuisce al regolare funzionamento del sistema digestivo, ma può causare diarrea e altri problemi di salute, anche seri. Ora sappiamo che ha un mezzo in più per elaborare il lattosio e sopravvivere

Un nuovo processo, mediante il quale Escherichia Coli processa il lattosio, e che ne consente la sopravvivenza, è stato studiato da un gruppo di scienziati di Skoltech, il grande centro di ricerca alle porte di Mosca. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Scientific Reports di Nature
La maggior parte dei batteri è in grado di sopravvivere in un’ampia varietà di circostanze ecologiche. Spesso, sono in grado di adattare il loro apporto nutrizionale all’ambiente circostante.
E. Coli si nutre principalmente di glucosio, che i nostri corpi ricevono da carboidrati complessi che possono essere trovati in piselli, fagioli, cereali integrali e verdure. Ma possono anche nutrirsi di lattosio, che si trova nei prodotti lattiero-caseari. Fondamentalmente, i batteri sono in grado di operare una transizione tra glucosio e lattosio.
In precedenza si credeva che E. Coli avesse solo un mezzo per utilizzare il lattosio e che interrompendo questa attività genetica, i batteri non sarebbero stati in grado di sopravvivere con il lattosio.
Tre anni fa, gli scienziati russi hanno iniziato a studiare le Enterobacteriaceae, la famiglia a cui appartiene E. Coli. Hanno scoperto un’insolita somiglianza tra il gruppo di geni responsabili dell’elaborazione dei disolfuri di carbonio e la combinazione di geni che altri batteri del gruppo bacilli utilizzano per scomporre il lattosio.
Hanno scoperto che E. Coli ha un mezzo alternativo per processare il lattosio. In particolare, i geni utilizzati da questi batteri per elaborare i disolfuri di carbonio possono anche essere utilizzati per elaborare il lattosio. Gli scienziati hanno quindi disattivato il meccanismo mediante il quale l’E. Coli in genere elabora il lattosio, ma i batteri hanno continuato a crescere e moltiplicarsi con il lattosio, utilizzando proprio il mezzo appena scoperto.
“Gli enzimi precedentemente ritenuti altamente specializzati sono in realtà multifunzionali”, ha dichiarato il team in una nota.

Volete leggere di altre importanti scoperte fatte al centro Skoltech? Cercate qui. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie