Studenti russi scoprono una nuova isola, ma non è una buona notizia

Roskosmos
La striscia di terra è apparsa nel Mar Glaciale Artico a causa dell’accelerato scioglimento dei ghiacci

Tre mesi fa nell’arcipelago di Novaya Zemlya (un arcipelago russo costituito da due isole maggiori, Severnyj e Yuzhnyj, nel Mar Glaciale Artico) è apparsa una nuova isola. La scoperta è stata fatta da un gruppo di studenti russi e non promette nulla di buono per il nostro pianeta.

Secondo l’agenzia spaziale russa Roskosmos, infatti, l’apparizione di questa striscia di terra sarebbe causata dall’accelerato scioglimento dei ghiacci. 

L’isola è stata scoperta il 31 gennaio durante una conferenza a Samara. La rivelazione è stata possibile grazie alle immagini inviate dai satelliti russi Kanopus-V e da quelli europei Landsat 7 / 8 e Sentinel-1 / 2. Secondo gli studiosi, l’isolotto misura 0,2 chilometri quadrati. 

I documenti per il riconoscimento ufficiale della nuova isola sono già stati inviati alla Società geografica russa per l’approvazione ufficiale. 

La scoperta degli studenti porta con sé rivelazioni allarmanti: la velocità con la quale i ghiacci di questa zona si stanno sciogliendo è preoccupante: rispetto al periodo 1959-2001, tra il 2001 e il 2015 i ghiacci si stanno sciogliendo a ritmi inaspettatamente accelerati. 

Nel tentativo di studiare il fenomeno, l’Istituto di Fisica Terra-Solare della parte siberiana dell’Accademia russa delle Scienze ha lanciato una rete di satelliti per studiare la ionosfera sull’Artico. Questi strumenti saranno in grado di analizzare con maggior precisione i cambiamenti del pianeta. 

Se siete appassionati di scienza, scoprite quali sono le grandi scoperte scientifiche russe che ci proietteranno nel futuro! 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond