Gli esperimenti choc che cercarono di incrociare l’uomo e la scimmia

Vasilij Egorov/TASS
All’inizio del XX secolo uno scienziato russo lavorò all’ibridazione delle due specie, cercando di fecondare donne con seme di orango. E un chirurgo russo credette di aver inventato l’elisir di giovinezza impiantando parti di testicolo di scimmia agli uomini

In Russia, l’inseminazione artificiale dei bovini è iniziata quasi 20 anni prima che negli Stati Uniti e in Europa, dove questo metodo di riproduzione del bestiame è stato introdotto solo alla metà degli anni Trenta. Ilja Ivanov fu un pioniere in questo campo. Dopo essersi laureato in medicina a Parigi, ritornato in Russia, divenne collega del primo Nobel russo, Ivan Pavlov, e ricevette finanziamenti dal governo russo. Nel 1914, l’inseminazione artificiale aiutò a far nascere quasi 7.000 cavalli in piena salute.
Il successivo obiettivo di questo biologo ambizioso era l’incrocio tra specie. Dopo aver iniziato con successo con gli incroci tra animali, presto gli venne l’idea di tentare il cross-breeding tra umani e scimmie. Non c’è da meravigliarsi che nella Russia ortodossa non gli fosse permesso, ma al contrario il nuovo governo sovietico era desideroso di usare la scienza come mezzo per denunciare la non fondatezza delle opinioni religiose, ancora molto forti, al tempo, nelle menti del popolo russo.
Nel 1924 Ivanov scrisse ad Anatolij Lunacharskij, capo del Comitato Sovietico per l’Educazione. Gli chiese di finanziare i suoi esperimenti e allegò lettere dell’Istituto Pasteur, con il permesso ricevuto di utilizzare gli scimpanzé della Guinea francese. Lunacharskij rifiutò l’offerta, ma nel 1925 Ivanov ricevette aiuto da Nikolaj Gorbunov, un alto funzionario sovietico ed ex segretario personale di Lenin. Ad Ivanov venne assegnata una borsa di ricerca di 10.000 dollari, e articoli sui suoi progetti uscirono sulla stampa sovietica. Ovviamente, il ricercatore non aveva complicazioni morali. Voleva solo finire nei libri di testo come creatore di una nuova razza.

Nel 1926, Ivanov iniziò a inseminare le scimmie in Guinea. Il seme venne donato da persone ignote del posto. Tuttavia, Ivanov voleva anche inseminare le donne africane con sperma di scimmia, senza il loro consenso, ma gli fu vietato dall’amministrazione francese. I francesi aiutarono Ivanov a spedire le scimmie a Sukhumi, in Georgia, dove era stata costruita una fattoria sperimentale di allevamento di animali.
In patria, l’Accademia Sovietica delle Scienze condannò gli esperimenti di Ivanov sulle donne africane come immorali. A quel momento tutte le scimmie femmina portate dall’Africa erano già morte, nessuna di esse incinta; era rimasto in vita solo un orango maschio. Ma Ivanov non intendeva demordere, ora voleva trovare almeno cinque donne volontarie da inseminare usando il seme dell’orango.

Sorprendentemente, ricevette una lettera da una donna di Leningrado che esprimeva il suo desiderio di partecipare all’esperimento, ma poi l’orango morì. E i piani per continuare gli esperimenti a Sukhumi finirono sul binario morto.
Inoltre, il padrino politico di Ivanov, Gorbunov, venne condannato durante le purghe, il che affrettò la caduta in disgrazia di Ivanov. Arrestato nel 1930, venne condannato a un esilio di cinque anni in Kazakistan, da cui non tornò mai.
“Se sei troppo vecchio per ballare, mettiti una ghiandola di scimmia”

Questo verso della canzone “Monkey-Doodle-Doo” di Irving Berlin, del 1925 (presente nel film dei fratelli Marx “Le noci di cocco”, “The Cocoanuts” del 1929) si riferisce a veri trapianti di ghiandole di scimmia eseguiti dal chirurgo russo Sergej Voronov. Voronov dovrebbe essere anche il prototipo del professore Preobrazhenskij del romanzo “Cuore di un cane” di Michail Bulgakov, del 1925. Nel romanzo, il professore trapianta testicoli delle scimmie agli esseri umani. Ed è esattamente quello che Voronov faceva.

Proprio come Ivanov, Voronov aveva studiato in Francia, sotto la supervisione del premio Nobel Alexis Carrel.
Chirurgo, per 14 anni lavorò come medico personale del governo egiziano. In Egitto studiò le conseguenze della castrazione sugli eunuchi. Notò che i ragazzi, le cui gonadi erano state rimosse all’età di 6 anni, erano lenti e inerti, avevano problemi con la memoria e invecchiavano velocemente. Questo portò Voronov a credere che le gonadi fossero l’organo principale responsabile del vigore e dell’intelletto negli animali e nell’uomo.
Utilizzando le sue altissime competenze di chirurgo, Voronov iniziò a trapiantare gonadi di giovani capre e pecore a esemplari anziani. Nel 1914, Voronov eseguì il primo trapianto di tiroide dalla scimmia a un ragazzo ritardato mentalmente di 14 anni e all’epoca si sostenne che l’operazione avesse drasticamente migliorato la sua salute mentale.

Nel 1920, Voronov trapiantò campioni di ghiandola riproduttiva di scimpanzé in uno scroto umano e il paziente riportò un aumento di vigore, migliore memoria e resistenza. Durante il 1920-1930, più di 500 maschi solo in Francia avevano delle ghiandole di scimmia in aggiunta alle proprie. Tra i clienti di Voronov ci furono l’uomo d’affari Harold McCormick, il presidente turco Mustafa Atatürk, il primo ministro francese Georges Clemenceau. Soprannominato “Dottor gioventù”, Voronov diventò immensamente ricco, ed era circondato da servitori e amanti. Scrittore prolifico, pubblicizzava la sua attività in numerosi libri con titoli come “Da cretino a genio”.
Ma non ci volle molto tempo prima che gli esperimenti di Voronov fossero denunciati dalla società medica. Dopo alcuni anni, molti dei suoi pazienti non notavano effetti dopo l’operazione. Negli anni Quaranta Kenneth Walker, un filosofo e urologo britannico, definì le operazioni di Voronov il “business delle scimmie mediche”. Durante la Seconda guerra mondiale, le truppe tedesche devastarono il suo castello sulla Riviera francese, e lui fuggì negli Stati Uniti. Morì a Losanna in totale oblio nel 1951. Tuttavia, di recente, le pratiche di Voronov sono state studiate da specialisti della medicina anti-aging, interessati sostituzione dell’ormone umano. Fortunatamente, questa volta non con fettine di testicoli di scimmia.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale