Russia, ecco il mezzo perfetto per le condizioni più estreme

Centro ingegneristico innovativo multisettore
L’hovercraft XG-8, mezzo a elica su cuscino d’aria, può andare a cento all’ora sulle acque del mare o di un’alluvione, sulle sabbie del deserto o sulle infinite distese di neve russe

“I primi 15 esemplari di XG-8 sono già stati consegnati alla Protezione civile russa, il Ministero delle Situazioni d’Emergenza. Sono stati progettati per operare nelle nevose regioni orientali della Russia, dove neve e inondazioni sono parte integrante della vita delle persone”, ha dichiarato a Russia Beyond Vladimir Kuzmichev, amministratore delegato di Imits (Centro ingegneristico innovativo multisettore), l’azienda che ha realizzato questo mezzo speciale.

Si tratta di un hovercraft, un aeroscafo o aeroscivolante, ovvero un veicolo sostentato da un cuscino d’aria e mosso da eliche. Un’imbarcazione che è anche autoveicolo e jet per volo rasoterra, e che può coprire fino a 750 chilometri con un pieno di carburante, su ghiaccio, mare, neve e sabbia. Il suo limite di velocità è di 100 chilometri all’ora e, come crede il gestore dell’azienda, potrà anche essere utile alla Marina russa. 

“Potrebbe essere usato per sbarcare le truppe su tutti i tipi di spiagge, dice. “È possibile collocare da 10 a 30 uomini all’interno di diversi modelli di questa nave, e condurre operazioni in ogni tipo di condizioni meteorologiche”, ha aggiunto. 

Un’altra cosa interessante di questo mezzo è la sua manovrabilità. Grazie al suo rotore a 413 cavalli e alla sacca d’aria, chi lo conduce può facilmente scivolare su ghiaccio e neve e stupire con spettacolari manovre. 

“Una paio di imprenditori privati ​​hanno acquistato questa nave per i loro resort, per attrarre persone anche fuori dalla normale stagione turistica», ha detto ancora Kuzmichev. 

Potrebbe avere un uso militare?

“Per presentare questo tipo di imbarcazioni alle forze della Marina Militare russa, dovranno integrarle almeno con blindature e posizioni aggiuntive per le mitragliatrici pesanti. Non è sicuro che possano sopravvivere a una situazione di combattimento reale, ma sarebbero sicuramente un’adeguata aggiunta alla nuova stagione di Walking Dead”,  ha dichiarato a Russia Beyond un professore dell’Accademia di Scienze Militari, Vadim Kozulin. 

Kozulin se è un po’ scettico per quanto riguarda la Marina, ritiene invece che questo tipo di imbarcazione potrebbe essere una dotazione aggiuntiva utile per le forze di frontiera, nelle operazioni di pattugliamento dei confini. 

“Può superare un gran numero di ostacoli. Quindi potrebbe essere adatto anche per corpi speciali di intervento rapido”,  ha aggiunto.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale