"Varenie" di barbabietola e lampone

Barattolo di “varenie” (Foto: Lori  / Legion Media)

Barattolo di “varenie” (Foto: Lori / Legion Media)

Dal Padiglione Russia dell’Expo alla cucina di casa vostra: ecco una selezione delle migliori ricette russe presentate agli ospiti dell’Esposizione universale di Milano

"Varenie" è un antico termine russo che indicava un preparato a base di erbe e zucchero poi bollito (dalla parola "varit", bollire in russo).

A livello internazionale è riconosciuto come autentico prodotto appartenente alla cucina russa. Oltre al suo significato originale, bisogna notare che il concetto attuale di Varenie è nato da appena due secoli, quando venne fondata la prima fabbrica di zucchero in Russia.

Nelle diverse culture cambiano i modi per lavorare questo composto. Il tradizionale Varenie russo è un denso sciroppo che presenta anche pezzi di frutta o delle bacche utilizzate.

In passato, per farlo durare il più possibile, veniva usato in abbondanza lo zucchero, un conservante naturale. Per questo, utilizzando ricette molto antiche, potrebbe risultarne un Varenie anche fin troppo dolce.

Il Varenie si può fare quasi con tutto: bacche e frutti di bosco, frutta, verdura, pigne o frutta secca come noci, nocciole, etc.

Varenie di barbabietola e lampone

Ingredienti:

1 kg di barbabietola

0,3 kg di lamponi

1 kg di zucchero

1 limone

Preparazione:

Coprire i lamponi con lo zucchero e lasciar riposare. Lavare e cuocere la barbabietola, poi pelarla e tagliarla a cubetti. 

Mescolare i lamponi, la barbabietola e il restante zucchero. Cuocere in una pentola tutti gli ingredienti a fuoco lento mescolando. Portare a ebollizione e lasciar cuocere per 30 minuti. Aggiungere il succo di un limone e far bollire per altri 10 minuti.

Mescolare, togliere dal fuoco e versare in barattolini. Chiudere con i rispettivi coperchi, capovolgere, coprire con un panno e lasciar raffreddare.

La ricetta è tratta dal libro "Cucina russa: regionale e moderna" pubblicato dalla casa editrice "Chernov & Co." di Mosca

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta