Il caffè è in lingua

Mosca vista dal basso di un'italiana. I post
 
Credit: Niyaz Karim

Coltivare le lingue davanti a una birra. Mangiando sushi o bevendo un caffè. Mosca si riscopre brillantemente poliglotta. E la condizione di straniero, in questi casi, offre una grossa marcia in più: si stanno moltiplicando, infatti, gli incontri linguistici nella capitale russa. Caffè in lingua, gruppi di scambio e aperitivi fra stranieri. Le occasioni per praticare il russo si rivelano infinite. Ma soprattutto low cost. 

La regola è una sola: lasciare a casa la timidezza. E predisporsi all’ascolto. Durante i tanti caffè linguistici che si possono seguire nei locali del centro si incontrano persone di ogni tipo: studenti universitari, casalinghe, professionisti di aziende da poco arrivati a Mosca. Russi e italiani insieme. Per parlare, raccontarsi, e conoscere gente nuova, sposando la formula dello “speak and drink”, ovvero parlare e bere. E se al primo giro di drink sono tutti dei perfetti sconosciuti, a fine serata le probabilità che nasca qualche bella amicizia aumentano in maniera direttamente proporzionale al numero di cocktail ordinati. 

Amici al bar (Foto: Sergei Pyatakov / RIA Novosti)

Partecipando a uno di questi caffè linguistici, tempo fa periodicamente organizzato in una caffetteria a Bielorusskaya, ho conosciuto Maksim, perdutamente innamorato della campagna toscana (e forse anche di una toscana in carne e ossa). Ho ascoltato la storia di Vadim, russo con origini italiane e apparentemente nobili. Seduta di fronte a me, Claudia, una studentessa universitaria da poco arrivata a Mosca, ha raccolto consigli per la sua tesi di laurea. Un’altra ragazza, di cui non ricordo il nome, è riuscita a trovare lavoro proprio così, chiacchierando del più e del meno con un signore legato al business dell’arredamento.

Gli incontri si diffondono spesso con il passaparola. Ma internet e i social media si rivelano ovviamente uno strumento fondamentale per promuovere gli eventi. Su Facebook, ad esempio, c’è il gruppo Moscow Language Exchange, che raccoglie ragazzi e ragazze da ogni parte del mondo. Si incontrano per stare in compagnia, bere una birra e fare due chiacchiere, ora in inglese, ora in tedesco, passando poi al russo o a qualsiasi altra lingua. 

Il gruppo Italiani a Mosca, poi, organizza cene italo-russe, oltre a innumerevoli partite di pallavolo, scacchi e calcetto: occasioni divertenti per fare nuove amicizie e coltivare la lingua di Tolstoj. Ma anche Couchsurfing si rivela una valida alternativa per conoscere gente e mettere alla prova il proprio russo. Una formula molto democratica ed economica per imparare una lingua. Insieme a persone che, molto probabilmente, vi faranno amare angoli di Mosca che ancora non avevate scoperto.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta