I centri per accogliere gli immigrati

Oltre 17 milioni di stranieri nel 2013 hanno fatto visita alla Federazione: molti sono arrivati in cerca di lavoro (Foto: Itar Tass)

Oltre 17 milioni di stranieri nel 2013 hanno fatto visita alla Federazione: molti sono arrivati in cerca di lavoro (Foto: Itar Tass)

Corsi di lingua e di storia russa. Per favorire l'incontro tra i cittadini e chi arriva nella Federazione in cerca di lavoro. E si apre il dibattito sui pro e sui contro

Nel 2013 il numero di stranieri che ha visitato la Federazione russa ha superato i 17 milioni e mezzo di persone. Una quota considerevole di stranieri sta arrivando in cerca di lavoro. Per integrarli con successo nella società russa, il Servizio federale di immigrazione russo ha deciso di creare dei centri speciali per l'adattamento sociale. Ma i russi e gli immigrati ne hanno davvero bisogno?

L’iniziativa

La nuova proposta di legge "Sull’adattamento degli stranieri" stabilisce che i principi base dell’adattamento e dell’integrazione sociale e culturale sono la conoscenza della lingua russa, nonché delle leggi e della cultura del paese. Il problema della familiarizzazione dei lavoratori stranieri con quanto indicato sopra verrà risolto mediante la creazione di centri speciali per gli immigrati. Secondo gli autori della proposta di legge, un tale approccio ridurrà le tensioni etniche e ostacolerà l’isolamento degli immigrati, creerà le condizioni per l'effettiva tutela dei diritti e degli interessi legittimi degli stranieri, garantendo loro un soggiorno sicuro e confortevole nella Federazione Russa, riducendo anche l’immigrazione illegale. In Russia è già in atto un progetto pilota che ha visto il lancio di due centri di adattamento - a Orenburg e a Tambov. Il centro di Tambov è stato progettato per 88 persone, mentre quello di Orenburg per 100. Gli immigrati vivono negli edifici dei centri, hanno la possibilità di lavorare, due volte a settimana seguono corsi serali di lingua russa, mentre una volta a settimana seguono corsi di storia russa e sugli elementi di base della legislazione della Federazione.

I centri non sono arredati per le famiglie: sono infatti organizzati come dormitori maschili per gli stranieri con un’età compresa tra i 20 e i 40 anni per i quali è auspicabile avere almeno il diploma di scuola superiore ed essere ligi alla legge. Tatyana Alexeyevna Bazhan, autrice della proposta di legge, osserva che il tempo esatto impiegato dall’immigrato per adattarsi determinerà i risultati del progetto pilota. "Il nostro obiettivo è di stabilire, con l'aiuto degli esperti, quanto tempo uno straniero impiega per imparare la lingua russa, la storia e le leggi del nostro paese. Dopo l'esperimento, sapremo esattamente come sviluppare il lavoro per l'adeguamento e l'integrazione degli stranieri", dice. I dipendenti dell’Fms (Servizio federale di immigrazione russo, ndt) non negano che se l'esperimento dovesse avere successo, centri simili verranno aperti in tutta la Russia. Per quanto riguarda il finanziamento dei centri, Bazhan sottolinea che essi dispongono già di alcuni fondi. In particolare, a Orenburg e Tambov, i centri di adattamento sono organizzati sul modello dei centri temporanei per gli sfollati - prima di procedere in questo modo erano pieni solo per un terzo.

A provvedere all’alloggio degli immigrati sono i loro datori di lavoro, mentre il processo di apprendimento è organizzato a spese del Fondo Russkiy Mir. Viktor Buyanov, consulente senior del Direttore Esecutivo di Russkiy Mir, ha sottolineato che il russo viene insegnato agli immigrati da filologi altamente competenti grazie a un accordo tra l’università statale di Tambov “Derzhavin” e l’Università Pedagogica di Stato di Orenburg. I professori universitari, il cui lavoro è sponsorizzato dal Fondo, si occupano della formazione dei lavoratori stranieri nei centri. In ogni caso, i lavoratori immigrati che non vivono nei centri di adattamento, ma vogliono comunque imparare la lingua russa, hanno libero accesso alle classi. Oltre a facilitare l’adattamento questi centri possono aiutare gli immigrati a ottenere un permesso di soggiorno temporaneo in Russia – l’Fms sta valutando l’idea di concedere questa possibilità.

Il parere dei sostenitori dei diritti umani

Secondo gli attivisti per i diritti umani, la creazione di questi centri è lecita, ma solo se l’adesione al programma è volontaria. "Quest’iniziativa mi sembra molto positiva. È bello che ci sia un luogo dove l’immigrato può vivere, imparare la storia e la lingua russe e ricevere una consulenza di carattere legale - e tutto questo a un costo ragionevole. Sono solo preoccupata per il fatto che le persone potrebbero essere ammassate con la forza in questi centri", dice Svetlana Gannushkina, attivista per i diritti umani e presidente del Comitato per l'assistenza civile. La domanda è se gli immigrati hanno bisogno di questi centri. Secondo Sergey Boldyrev, dipendente della International Labor Migration Alliance, i lavoratori stranieri che stanno imparando nei centri di formazione pilota a Orenburg e a Tambov potrebbero essere interessati solo a un posto dove stare. Vladimir Mukomel, capo della ricerca sui processi migratori e di integrazione presso l'Istituto di Sociologia Ras, ha un’opinione piuttosto chiara. Secondo lui, fino a un terzo dei lavoratori immigrati vivono in Russia illegalmente perché spesso è difficile ottenere un permesso legale per lavorare. Così, l'adattamento economico per gli immigrati è molto più importante di quello culturale.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta