"Il mio viaggio a Mosca dove 60 anni fa con Pasolini sognammo il Disgelo"

archive
Giuseppe Scotti, neuroradiologo, ex direttore della neuroradiologia del San Raffaele di Milano, torna sui luoghi dove nel 1957 partecipò al Festival mondiale della gioventù, la grande manifestazione che per la prima volta radunò a Mosca ragazzi da tutto il mondo, accorsi per respirare quel nuovo vento di cambiamento che soffiava da Est

“Eravamo giovani ed eravamo in tanti. E venimmo a Mosca perché eravamo convinti che il futuro del mondo dipendesse da noi”. Giuseppe Scotti, neuroradiologo, ex direttore della neuroradiologia del San Raffaele di Milano, torna con la mente indietro nel tempo: era il 1957 e insieme a delegazioni di ragazzi provenienti da diversi paesi del mondo contribuì a far soffiare ancora più forte quel vento di cambiamento che avrebbe portato al Disgelo.

La nuova edizione del Festival della gioventù e degli studenti si terrà dal 14 al 22 ottobre 2017 a Sochi, sulle rive del Mar Nero

Esattamente 60 anni fa, infatti, migliaia di stranieri si radunarono a Mosca per il Festival mondiale della gioventù: 15 giorni di festa, riunioni, canti e discussioni che cambiarono l’Unione Sovietica. E con essa il resto del mondo. Lungo le strade della capitale russa per la prima volta risuonarono le note del jazz e apparirono i primi jeans: una vera rivoluzione in un paese che accennava i primi timidi passi verso un clima di distensione. Al Festival accorserso anche grandi esponenti del panorama culturale dell'epoca, tra cui Pier Paolo Pasolini, che scrisse per la stampa italiana un reportage di quei giorni.

Oggi, 60 anni dopo, Giuseppe Scotti è tornato sui luoghi che hanno segnato la storia, per vedere come è cambiata Mosca, la sua gente, lo stadio Luzhniki e l’università Mgu che hanno ospitato il grande evento che aprì le porte al Disgelo.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale