A Svyatsk, il villaggio che dopo Chernobyl non esiste più

Sono trascorsi trent’anni. Ma la ferita di Chernobyl resta ancora aperta. E continua a sanguinare. Il corrispondente di Rbth ha visitato il villaggio di Svyatsk, nella regione di Bryansk, nella Russia occidentale al confine con l’Ucraina, dove i segni della catastrofe sono visibili ancora oggi

Continua a leggere: 

Lo spettro di Chernobyl, trent’anni dopo

Un Nobel italiano a Vladivostok per salvare il clima

Le regioni russe più ecologiche

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta