L'arte sovietica, tra quotidianità e narrazione

Viktor Ladviščenko, considerato uno dei grandi maestri della pittura monumentale dell’Urss, sarà il protagonista della mostra che verrà inaugurata a Roma il 14 dicembre 2015

Il 14 dicembre alle ore 18 verrà inaugurata la mostra “Viktor Ladviščenko, narratore della storia e della quotidianità dell’Unione Sovietica”, a cura di Giovanni Argan e Daria Parfenova. Per la prima volta in Europa verranno esposte le opere del maestro monumentalista russo. Il curatore della mostra: “Ladviščenko è uno dei grandi maestri della pittura monumentale di epoca sovietica. La grande particolarità di questo pittore è quella di essere uno strabiliante narratore: non rinuncia mai a soffermarsi su piccoli particolari della vita quotidiana, e di raccontare quindi episodi intimi della vita dell’Urss. Fra le opere in mostra si distinguono due temi: i grandi momenti storici e la vita quotidiana. Quando dipinge e racconta episodi di vita quotidiana, attribuisce all’individuo uno status eroico, perché ogni singolo personaggio contribuisce alla costruzione della nuova società socialista”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta