"La mia vita da eremita nei boschi di Mosca"

Uno stile di vita sicuramente inusuale, ma che lui, assicura, non cambierebbe per nulla al mondo

Uno stile di vita sicuramente inusuale, ma che lui, assicura, non cambierebbe per nulla al mondo

Pavel Volkov
Yurij ha abbandonato la carriera da avvocato per ritirarsi a vivere nella natura, seguendo i ritmi del sole e condividendo la sua modesta abitazione con un tenero coniglietto
Yurij ha trascorso buona parte della sua vita a Mosca lavorando come avvocato. Ma negli ultimi cinque anni si è trasferito a 100 chilometri dalla città e oggi vive nei boschi. Per le necessità di tutti i giorni raccoglie l’acqua da un ruscello
Yurij prepara il pranzo con l’aiuto di un paio di torce che illuminano con una fioca luce la stanza
Vive in compagnia di un coniglietto addomesticato di nome Petrusha, che ama mangiare kasha e banane
La sua dieta è composta da pasti semplici che lui stesso cucina su una piccola stufa
Le sue giornate trascorrono lente e tranquille, scandite dai ritmi della natura
Nella sua modesta abitazione Yurij possiede moltissimi libri e addirittura un vecchio pc che viene alimentato da alcuni pannelli solari
Ma non è completamente tagliato fuori dal resto del mondo: possiede uno smartphone con il quale comunica e aggiorna addirittura la sua pagina Facebook @Polyana106
 Di recente ha anche costruito una vasca da bagno
L'ingresso della sua modesta abitazione
Lui stesso raccoglie la legna per cucinare e scaldarsi
Raccoglie abbondanti scorte di legna per poter avere sempre un fuocherello acceso
Durante l’inverno la stufa funziona giorno e notte per garantire una temperatura confortevole all’interno dell’abitazione
Yurij trascorre ore leggendo i libri che compongono la sua grande libreria
In inverno dopo aver fatto il bagno corre fuori a rotolarsi nella neve