Il fuoco di Ivan Kupala che scaccia gli spiriti maligni

I contadini del posto sono convinti che nella notte di Ivan Kupala, la più corta dell’anno, non si debba dormire per potersi difendersi dagli spiriti maligni che in quelle ore escono allo scoperto: streghe, lupi mannari, serpenti, stregoni e spiriti del bosco...

I contadini del posto sono convinti che nella notte di Ivan Kupala, la più corta dell’anno, non si debba dormire per potersi difendersi dagli spiriti maligni che in quelle ore escono allo scoperto: streghe, lupi mannari, serpenti, stregoni e spiriti del bosco...

Ekaterina Mamontova
Nella notte più corta dell’anno non si dorme, ma si danza attorno al fuoco, andando alla ricerca dei tesori che si nascondono nei boschi. Ecco come viene celebrata ancora oggi questa suggestiva festa slava
Ivan Kupala è una festa tradizionale slava. Al giorno d’oggi in Russia viene celebrata in due diversi momenti: alla fine di giugno, quando le notti sono le più corte dell’anno e i gruppi religiosi pagani non ufficiali celebrano questa ricorrenza; e il 6-7 luglio, secondo il Calendario Giuliano. Quest’ultima celebrazione è accettata dalla Chiesa Ortodossa russa
Si dice che in questi giorni di festa l’acqua e il fuoco possano diventare “amici”. Un’unione che viene vista come una vera e propria forza della natura
Il simbolo principale di questa notte di festa è il falò. La gente danza attorno al fuoco e salta sopra le fiamme: chi riesce a saltare più in alto sarà considerato portatore di felicità
In alcune regioni la gente conduce il bestiame verso il falò per proteggerlo dalle malattie, mentre le madri bruciano gli abiti dei propri figli per scacciare qualsiasi male
Entrambe le celebrazioni prevedono diversi rituali slavi che uniscono l’acqua e il fuoco. La ricorrenza di Ivan Kupala viene festeggiata in Russia, Bielorussia, Polonia, Lettonia, Lituania e Ucraina durante i giorni del solstizio
Inoltre si crede che nella notte di Ivan Kupala sia possibile scovare tutti i tesori più nascosti della terra. Proprio in questa notte, infatti, i ragazzi camminano per i boschi nonostante il timore di incontrare qualche spirito cattivo
Prima della rivoluzione Ivan Kupala era la festa più importante dell’anno