Lo sfarzo senza tempo dell’Eliseevskij

Considerato il negozio di generi alimentari più rinomato di Mosca dopo i grandi magazzini Gum, viene visitato ancora oggi ogni giorno non solo dai clienti abituali, ma da centinaia di curiosi che entrano per ammirare il fascino delle sue sale

Credit:Wikipedia.org

Inaugurato nel 1901, il negozio incantò i moscoviti per la ricca selezione di prodotti esotici

Credit: Lori/Legion Media

Il nuovo negozio venne inaugurato sulla via Tverskaya, nel centro di Mosca

Credit:Wikipedia.org

Pyotr, il nonno di Eliseev, ex servo, iniziò il proprio business vendendo arance per strada nel 1813

Credit:Wikipedia.org

Negli anni Venti dell’Ottocento iniziò ad aprire alcuni negozi di alimentari

Credit:RIA Novosti

Il negozio Eliseevskij era molto amato dalla nobiltà russa per via dei numerosi vini importati dal Portogallo, dalla Spagna e dalla Francia. Qui si potevano trovare anche frutta esotica e squisiti formaggi

Credit:Wikipedia.org

Durante il periodo sovietico il negozio venne ribattezzato “Gastronom №1”. Qui si trovavano generi considerati vere e proprie prelibatezze, e nel periodo più duro di quegli anni era l’unico luogo dove si poteva acquistare un’ananas

Credit:Lori/Legion Media

Dopo il GUM, l’Eliseevskij è uno dei più prestigiosi negozi di Mosca

Credit:Wikipedia.org, Lori/Legion Media

Il punto vendita Eliseevskij a San Pietroburgo venne aperto nel 1903, due anni dopo l’inaugurazione del negozio moscovita

 

Credit:Wikipedia.org, REINA LUCK/Flickr.com

Qui gli spazi che ospitavano il negozio erano veramente incantevoli

Credit:Lori/Legion Media

Il negozio venne aperto all’interno di uno degli edifici più maestosi della Prospettiva Nevskij di San Pietroburgo

Credit:FotoRus/Flickr.com

Il negozio continua ancora oggi ad attirare moltissimi visitatori

Credit: Gnesener1900/Wikipedia.org

Nel 1917, quando i bolscevichi lo nazionalizzarono, Grigorij Eliseev perse la propria attività. Si trasferì quindi a Parigi, dove morì nel 1949

Credit: Lori/Legion Media

Il negozio Eliseevskij a San Pietroburgo venne rinnovato e riaprì le porte ai clienti nel 2012. I suoi interni comunque ricordano ancora lo splendore del Novecento

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta