Diaghilev e la sua rivoluzione a passo di danza

Ancora oggi nessuno può dire se Diaghilev sapesse che la sensazionale serata di apertura avrebbe potuto causare un così grande scandalo. Noi sappiamo solamente che il pubblico non aveva mai visto nulla del genere. Diaghilev, fuori dalla Russia, conquistò un posto al centro di un nuovo movimento artistico russo

L'impresario teatrale Sergei Diaghilev ha avuto una carriera ricca di produzioni indipendenti e di serate memorabili. Una di queste, in particolar modo, continua a spiccare fra tutte, anche un secolo dopo: "La Sagra della Primavera" con musiche di Igor Stravinskij e coreografia di Vatslav Nizhinsky, ha causato un vero e proprio shock tra gli spettatori in smoking quando è stata rappresentata per la prima volta nel 1913 presso il Teatro degli Champs-Elysèes di Parigi / Pablo Picasso, Costume per la sfilata del Prestigiatore cinese, Parade, 1917

Armonie dissonanti ispirate dalla decostruzione di melodie folk e scandalose, passi staccati e danze contadine hanno sconvolto il pubblico in occasione della prima. In seguito, in molti hanno esaltato quest'opera come pionieristica, mentre alcuni critici hanno definito la "Sagra della Primavera"; uno scandalo barbarico / Pablo Picasso, Costume per il Prestigiatore cinese, Parade

Ancora oggi nessuno può dire se Diaghilev sapesse che la sensazionale serata di apertura avrebbe potuto causare un così grande scandalo. Noi sappiamo solamente che il pubblico non aveva mai visto nulla del genere. Diaghilev, fuori dalla Russia, conquistò un posto al centro di un nuovo movimento artistico russo / Leon Bakst, Costume per la Ninfa, Narciso, 1911

Ciò che era iniziato come un'esplorazione artistica esotica, aliena e fastosa, si è trasformato in un movimento all'avanguardia e sperimentale, guidato da Diaghilev, affiancato dai suoi numerosi compagni: Nizhinsky, Stravinskij, Debussy, Satie e Picasso, Fokine e Massine, così come ballerini del calibro di Nizhinska e Anna Pavlova. Esso incarnava una Russia nuova e inquieta che ha avuto impatto anche sull'arte sviluppatasi in seguito / Leon Bakst , Costume per il Piccolo Dio dal Dio Blu, 1912

La magnifica carriera di Diaghilev e il modo in cui è riuscito a far progredire l'stetica dei tempi in cui ha vissuto sono stati rappresentati in maniera chiara e divertente presso la National Gallery of Art (Nga) di Washington, nella mostra Diaghilev e i Balletti russi 1909 - 1929/ Leon Bakst, Costume per l'Eunuco, Scheherazade, 1922

La curatrice della National Gallery of Art, Sarah Kennel, ha affermato che mentre il cubismo era già comparso nelle arti visive, "La Sagra della Primavera"ha rappresentato la prima dichiarazione pubblica di estetica moderna: "Con quest'opera si è improvvisamente manifestata una rottura pubblica con le tradizioni del passato"/ Leon Bakst , Costume (realizzato da Marie Muelle) per il Capo Eunuco, Scheherazade, 1910

La mostra presso la National Gallery of Art è stata recentemente prorogata fino al 6 ottobre 2013. "Abbiamo sempre pensato che il tempo a disposizione fosse troppo poco - ha sottolineato la curatrice della National Gallery of Art, Sarah Kennel -. Ciascun istituto di credito ha concordato sulla proroga della mostra per un altro mese: ciò rappresenta un bel segnale di fiducia", ha spiegato / Mikhail Larionov, Costume per la Moglie del Buffone, Il Buffone, 1921

Nessuna compagnia di danza è stata più influente dal momento che, molto probabilmente, nessun impresario ha ispirato allo stesso modo una tale unione di artisti rivoluzionari. Diaghilev si è assicurato finanziamenti da influenti mecenati non solo per produrre spettacoli all'avanguardia, ma anche per portarli in tour nelle più grandi città metropolitane e anche in quelle più provinciali, da New York a Birmingham Alabama, dove il balletto «Scheherazade» è stato considerato osceno / Giorgio de Chirico. Costume per una silfide, Le Ball, 1929

Di fronte al pubblico, le sequenze raffinate, l'erotismo e i costumi leggeri e trasparenti di "Scheherazade" hanno destato un enorme scalpore. Le donne hanno iniziato a indossare turbanti, piume, pantaloni ampi e decorati e a organizzare party a tema. Le star dei Balletti Russi hanno coltivato e sfruttato un certo tratto orientale e un certo esotismo nei loro primi lavori. Hanno inoltre introdotto l'Occidente ai tessuti e alla cultura popolare di luoghi come l'Uzbekistan e l'Ucraina. In molti modi, la compagnia, dai suoi coreografi ai suoi scenografi fino ai costumisti, era alla ricerca di una nuova identità russa nel mondo in un momento di grande scompiglio in casa propria / Nicholas Roerich, Costume per un Guerriero Polovtsian, Il Principe Igor, 1909

Guardando il balletto del 1917 non si può far altro che restare impressionati di fronte ai costumi di Pablo Picasso, alla perfetta coreografia e alla musica di Stravinskij. Il balletto risulta brillante e attuale ancora oggi / Jean Cocteau, Vatslav Nizhinsky dallo Spirito della Rosa, poster per l'inaugurazione della stagione teatrale presso il Teatro degli Champs-Elysèes, Parigi, 1913

È chiaro che ciò che Sarah Kennel scrive è vero: Il segnale del successo dei Balletti Russi è rappresentato dallo spirito di aperta collaborazione che fu in grado di promuovere. Per 20 anni la compagnia ha prodotto spettacoli eccezionali e innovativi nati dal difficile dialogo tra coreografi, ballerini, artisti e musicisti/ Leon Bakst, Variazione della scenografia originale di Scheherazade, posteriore al 1910

Diaghilev aveva sempre progettato di riportare in Russia i Balletti Russi per un tour trionfale, ma ogni volta doveva fare i conti con la sfortuna e, in seguito, con i tumulti che si stavano verificando nel Paese. Una volta, ad esempio, un teatro di San Pietroburgo dove avrebbero dovuto esibirsi è andato in fiamme. Dopo la Rivoluzione Russa non c'era quasi nessuna chance per un ritorno celebrativo. La sua era una compagnia russa itinerante, inizialmente nata dal Balletto Imperiale russo, ma l'Europa doveva essere la sua casa / Natalia Goncharova, Costume per il Pesce Rosso Maculato, Sadko, 1916

Ciò che questa mostra presso la National Gallery of Art espone in modo pittoresco è l'enorme contributo al modernismo di Diaghilev e dei Balletti Russi. Guardando il dipinto si può notare chiaramente che le sperimentazioni dei ballerini hanno avuto un profondo impatto anche sul movimento cubista. La ricerca di un'identità da parte della compagnia è approdata a qualcosa di molto più universale: un linguaggio innovatore che tutte le arti hanno iniziato a condividere / Leon Bakst. Costume per il Pastore Beoziano, Narciso, 1911

La mostra e il catalogo prestano la dovuta attenzione a Sergei Diaghilev e alla sua storia. Era nato a Perm da una famiglia aristocratica che aveva in seguito perso la sua fortuna. Ma durante l'infanzia, la sua matrigna aveva creato per lui un ambiente impregnato di cultura negli Urali settentrionali. "Diaghilev hanno fatto tutto il possibile per rassicurare sè stessi sul fatto di non vivere nel selvaggio Oriente, ma in una provincia d’Europa", scrive nel catalogo Sjeng Sheijen. Diaghilev aveva ricevuto una buona educazione in tutte le arti, in particolare nella musica / Diaghilev e John Brown, New York, 1916

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie