Kamchatka, la selvaggia Terra dei Vulcani

“Abbiamo viaggiato per vari anni in lungo e in largo per la Russia. E la Kamchatka per noi è sempre stata una sorta di sogno. Provate a immaginare: più di 150 vulcani e la valle dei geiser. Impossibile non innamorarsi di questa terra!”

“Abbiamo viaggiato per vari anni in lungo e in largo per la Russia. E la Kamchatka per noi è sempre stata una sorta di sogno. Provate a immaginare: più di 150 vulcani e la valle dei geiser. Impossibile non innamorarsi di questa terra!”

Zhenia e Yaroslav
Una giovane coppia di fotografi è andata alla scoperta dei luoghi più remoti di questa penisola. Le loro impressioni raccontate a Rbth
Zhenia e Yaroslav, una giovane coppia di fotografi, hanno attraversato la Kamchatka in lungo e in largo e hanno deciso di raccontare le loro impressioni a Rbth
“La Kamchatka è conosciuta come la Terra del Fuoco, grazie ai suoi vulcani. Si tratta di un posto unico e ancora inesplorato. Abbiamo trascorso lì tre settimane e ci sono sembrate poche”
“La gente del posto dice che in Kamchatka non esistono strade, bensì solo direzioni. A causa delle strade dissestate c’è bisogno di grosse jeep per spostarsi. Le distanze, poi, sono enormi e per arrivare al vulcano più vicino spesso sono necessarie due o tre ore di viaggio”
“L’esperienza più bella del nostro viaggio è stata la visita al vulcano Tolbachinskij, in eruzione fino a due anni fa. Abbiamo camminato per campi coperti di lava mentre attorno a noi si sentiva il fischio di piccole eruzioni di gas. La superficie di lava non si era ancora raffreddata dall’eruzione precedente, quella del 1975. Camminando in questi luoghi ci si rende conto della potente bellezza della natura”
“Anche il mare è impressionante: sabbia nera, onde alte 3-4 metri e poi la costa piena di gente che fa surf...”
“Gli sportivi qui fanno surf vicino alle foce che ‘prendono il sole’”
“Tuttavia la Kamchatka non è un posto molto economico, soprattutto se si arriva in aereo da qualche città della Russia centrale. Inoltre gli hotel non sono molto buoni. Forse sarebbe meglio affittare un appartamento”
“Tra i problemi principali per chi non conosce il russo c’è l’assenza di guide che parlino inglese”
“Per fortuna non ci siamo imbattuti in nessun orso. Per vederli, mantenendo comunque una distanza di sicurezza, bisogna andare sul lago Kurile. Arrivare fino lì costa circa 540 dollari a persona”
“Durante il nostro viaggio in Kayak abbiamo conoscuto un ragazzo tedesco molto simpatico, che da diversi mesi stava viaggiando in Russia: ci ha raccontato alcune storie davvero straordinarie”
“Aprendo le finestre quando ci si sveglia la mattina si assiste a un panorama eccezionale: sembra di essere davanti a una cartolina!”
Durante il loro viaggio i due fotografi hanno conosciuto gente davvero interessante, come Tania e Taras, una coppia che partecipa al progetto “La mia Kamchatka”: viaggiano nei luoghi più remoti e scrivono un blog su questa terra. Hanno addirittura organizzato dei concerti sulle vette dei vulcani
“Ci sono migliaia di buoni motivi per venire in Kamchatka e godersi questi posti”, concludono