Trasporti, la nuova rotta è da record

La durata del percorso è di 15 giorni, durante i quali il treno attraversa i territori della Mongolia, della Russia e della Polonia (Foto: EPA)

La durata del percorso è di 15 giorni, durante i quali il treno attraversa i territori della Mongolia, della Russia e della Polonia (Foto: EPA)

Inaugurata la più grande tratta commerciale su rotaie: quasi 10mila chilometri, dal nord est della Cina ad Amburgo, utilizzando la Transiberiana. Ecco gli impatti sul commercio internazionale

La Cina ha inaugurato il piu lungo percorso al mondo per treni merce. Un progetto che coivolge anche la Federazione: attraverso la Transiberiana, infatti, la nuova tratta unisce la città di Harbin, nel nord-est della Cina, con Amburgo, in Germania. Secondo le parole di Tu Xiaoyu, direttore generale della compagnia di logistica "Harbin-Europa", la linea ferroviaria Harbin-Amburgo si distingue per l'alto valore commerciale e i bassi costi logistici: essa consentirà di impiegare un tempo di viaggio due volte inferiore rispetto agli attuali percorsi autostradali o via mare.

Il primo convoglio su questo tragitto è partito il 13 giugno. La durata del percorso è di 15 giorni, durante i quali il treno attraversa i territori della Mongolia, della Russia, della Polonia. Al confine tra la Cina e la Mongolia, la Bielorussia e la Polonia, il treno si trova a dover cambiare l'asse delle ruote, in accordo con le dimensioni dei binari. Si prevede che il convoglio effettuerà una corsa alla settimana. La lunghezza del tragitto supera i 9.820 km, rendendolo così il più lungo collegamento transcontinentale commerciale esistente. Oggi, di un simile collegamento con l'Europa attraverso la Transiberiana, si servono alcune città cinesi incluse Chongqing, Chengdu, Changsha, Hefei, Yiwu e Suzhou.

Il percorso Harbin-Amburgo verrà utilizzato per il trasporto di elettronica di consumo, pezzi di ricambio per auto e abbigliamento prodotti nel nord e nel nord-est della Cina. Le gigantesche case automobilistiche Mercedes Benz e Audi, come pure il produttore taiwanese di elettronica Foxconn, hanno dichiarato l'intenzione di servirsi di questa tratta, come riporta il canale cinese in lingua inglese New China TV

Secondo le informazioni dell'edizione cinese CRI, il nuovo treno trasporterà carichi per un valore totale di più di 4 miliardi di yuan (più di 650 milioni di dollari), ogni anno. Al giorno d'oggi, la Cina si serve molto attivamente della Transiberiana per il trasporto delle merci. Qualche giorno prima del lancio della linea Harbin-Amburgo, si è tenuta l'inaugurazione del collegamento fra la capitale di Xinjiang, Urumqi, e Mosca. Inoltre, nel gennaio 2015, la Cina ha per la prima volta dichiarato di voler costruire una linea ferroviaria ad alta velocità fra Pechino a Mosca, dal costo complessivo di 1,5 miliardi di miliardi di yuan (242 miliardi di dollari) e dalla lunghezza di 7 mila km.

La Cina è interessata anche all'Estremo Oriente russo. Nel maggio del 2015, le autorità della provincia cinese di Jilin hanno proposto alle autorità di Primor'e di costruire una linea ferroviaria ad alta velocità che connetterebbe Vladivostok con la città di confine di Hunchun, in Cina. Le autorità cinesi ne progettano la costruzione verso l'agosto del 2015. Se ci riuscerà insieme di realizzarla, sarà la prima magistrale sul confine fra Russia e Cina”, ha commentato il primo segretario del partito comunista della provincia cinese di Jilin, Bain Chao-Lu. I funzionari russi sono d'accordo nel collaborare con la Cina nella costruzione ma si scontrano col problema di attirare investimenti statali e non statali all'interno del paese. Per questo motivo il progetto Mosca-Kazan' è rimasto per lungo tempo in pausa, finché il distretto non ha deciso di finanziare gli investitori cinesi. 

In aggiunta a tutto questo, ancora in forse si trova il progetto per la costruzione della parte russa di ponte sull'Amur, che dovrebbe connettere le linee ferroviarie di Russia e Cina. L'accordo intergovernativo sull'edificazione del nuovo ponte è stato firmato già nel 2008. Della maggior parte dei lavori (1,9 km sui totali 2,2 km) si è fatta carico la Cina, che pianifica di portare a termine il suo pezzo di tratta verso la fine del 2016. Le agenzie russe e i fondi nazionali non hanno potuto iniziare la costruzione della propria parte di ponte per “problemi di carattere organizzativo e gestionale”, come riporta il giornale d'affari Vedomosti del 20 aprile 2015.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta