Una lince del deserto per casa: ecco Big Floppa, il micione star della Rete che vive in Russia

@prozhony
Questo gattone selvatico è diventato protagonista di meme e t-shirt. I suoi padroni ci raccontano come si vive con un animale così per casa

Era l’aprile del 2018 quando Andrej Bondarev, professionista video, ha pubblicato su Instagram la foto del proprio animale domestico alle prese con la pappa: si trattava di un gattone a pelo corto con due occhi verdi brillanti e delle lunghe orecchie a ciuffo. 

“Per diventare un grande gatto devi mangiare una grande pappa”, recitava la didascalia della foto che ha lanciato il micione e i suoi padroni, Matvej e Zhora, nel mondo dei blogger. Nel 2020, il gatto è diventato popolare sui social network e su alcuni siti come Reddit con il nome di Big Floppa, o Kot Shlyopa: soprannomi che fanno riferimento alle sue orecchie. 

In realtà, l’animale si chiama Gosha ed è un caracal, un gatto selvatico che assomiglia a una lince (infatti viene chiamato anche “lince del deserto”). I caracal sono originari dell’Africa, dell’Asia e dell’India; ma Gosha è nato il 21 dicembre 2017 in Ucraina in un allevamento specializzato in gatti selvatici. Diversi mesi dopo, nell'aprile 2018, è stato trasferito a Mosca, dove è stato adottato dalla famiglia Bondarev: Andrej e sua moglie Elena. 

“Lena [abbreviazione di Elena] aveva visto questo animale su internet e me lo ha mostrato; fu in quel momento che decidemmo di acquistare un gatto selvatico. Perché no?, pensammo. All'inizio l’idea era nata quasi per scherzo. Ma per un anno intero ci preparammo consultando degli esperti, e alla fine ci siamo talmente tanto abituati all’idea di avere un gattone così per casa che ormai non potevamo rinunciarci”, ha raccontato Andrej. 

Georgij [forma completa del nome Gosha] e i suoi corrieri per la consegna degli animali domestici hanno impiegato più di 24 ore in pulmino per arrivare a Mosca. Secondo Elena, l’animale per i primi giorni aveva paura di camminare nell'appartamento; sibilava e si nascondeva, ma non rifiutava il cibo. Gosha è stato “istruito” da Matvej, un altro gatto di 12 anni che i Bondarev avevano adottato in un rifugio.

“Zhora (gatto numero tre, 4 anni e mezzo) era molto offeso con noi per aver portato a casa un altro animale, e per le prime due settimane ha ignorato noi e Gosha. Ora invece sono molto amici”, ha detto Elena.

Fin da piccolo Gosha ha corso e giocato con gli altri gatti. L'unica difficoltà è stata insegnargli a usare la lettiera, ma, secondo Elena, questi sono “problemi felini di routine”. 

Gosha mangia solo cibo adatto alla sua dieta: tacchino, coniglio, frattaglie, pulcini di un giorno e integratori vitaminici.

“Gosha è possessivo e considera esclusivamente me come suo essere umano, e nessun altro - ha raccontato Elena -. Ha una natura piuttosto canina, è molto devoto e non gli piace stare da solo. È molto cauto con le persone che non conosce”.

Così come ha spiegato Andrej, il comportamento di Georgij è spesso un po’ turbolento: quando non ha altro da fare, strappa i pezzi di cartone che Andrej ed Elena comprano appositamente per lui; ma ciò non gli impedisce di rovinare anche la carta da parati e i mobili.

“In alcuni punti ha graffiato i muri fino al cemento. Il primo anno riparavo l'intonaco e rattoppavo la carta da parati... ma poi ci ho rinunciato. Anche la TV è graffiata: Gosha ci è saltato sopra quando ha visto alcuni uccelli su Animal Planet!”, ha raccontato Andrej. 

Gosha è diventato popolare su internet all'inizio del 2020 grazie a una foto in cui è sdraiato sul davanzale con Zhora. Questa foto ha segnato l’inizio di una serie di meme e fotografie ritoccate pubblicato se Instagram, Twitter e Reddit.

“Uno degli amici di internet di mio marito, anch’egli possessore di un caracal, ci ha parlato della popolarità di Gosha in Rete. Abbiamo pensato ‘Wow, che bello!’, e abbiamo continuato a postare foto di lui. Solo che non mi piace molto quando Gosha viene usato per generare meme su argomenti politici controversi e di ‘attualità’, o meme che mostrano nazismo, razzismo, omofobia o altri contenuti offensivi: è terribile”, ha detto Elena.

Nel 2020 i fan di Gosha hanno chiesto alla famiglia Bondarev il permesso di utilizzare immagini del micione per realizzare merchandising come tazze e figurine.

Sempre nella primavera del 2021 è apparsa sull'App Store di Google Play un'applicazione dedicata a Big Floppa. Il gioco consiste in una foto di Gosha [noto come Gregorij, in inglese] che cambia posizione quando si clicca su di lui. Finora il gioco ha ricevuto un solo feedback positivo.

“È un bel gioco, il contenuto è molto interessante. Quando ho cliccato su Shlyopa (Floppa) ha ringhiato così tanto che mi ha fatto spaventare”, ha scritto un utente nei commenti sul gioco.

“In segno di gratitudine, alcuni sostenitori ci inviano donazioni, una parte delle quali serve ad aiutare gli altri gatti. Ma le donazioni non sono sufficienti per il mantenimento di Gosha, che costa 20-25.000 rubli (270-340 dollari) al mese: e ciò copre solo il cibo e i sassolini della sua lettiera”, spiega Elena.

Inoltre, Gosha viene visitato da uno specialista di gatti selvatici due volte all’anno. A parte ciò, secondo la famiglia Bondarev il micione non è diverso da qualsiasi altro gatto.

“L'unica differenza è la sua taglia, quindi bisogna avere più cura e prestare maggior attenzione. Le ferite accidentali che si ottengono quando si gioca con lui, per esempio, sono molto più gravi di quelle inferte dai gatti piccoli. Naturalmente, anche il grado di ‘distruzione’ della casa cresce in proporzione alle dimensioni del gatto”, conclude Elena.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie