Biciclette Made in URSS: i modelli più diffusi

Getty Images
Le bici prodotte all’estero erano una vera rarità. Ecco quali modelli circolavano per le strade delle città sovietiche

1 / Malysh (bambino)

Tecnicamente, un triciclo! Questo modello incarna la perfezione della semplicità: tre ruote e un telaio sono tutto ciò che serve per far felice i bambini.

Sorprendentemente, la struttura solida di questa bici permetteva anche ai ragazzini più grandi di utilizzarla. Come? Appoggiando un piede sulla parte posteriore del telaio e spingendosi con l'altro piede sulla strada, un po’ come si farebbe con un monopattino.

2 / Druzhok (amichetto)

Crescendo, i bambini passavano dal modello “malysh” al “druzhok”. Progettato per i bimbi un po’ più grandi, era dotato di due rotelle opzionali di supporto, da fissare ai lati della ruota posteriore, in modo tale che i piccolini imparassero a guidare la bici senza cadere.

3 / Kama

La Kama era la bicicletta più elegante e desiderata di tutta l’Unione Sovietica. Apparve per la prima volta nella metà degli anni '70 e divenne rapidamente un bestseller, nonostante il prezzo relativamente alto (costava circa 100 rubli sovietici). 

Era inoltre il modello più “modificato” dai ragazzini, che la decoravano con qualsiasi accessorio, dagli adesivi ai riflettori.  

Le ruote piccole e il telaio basso la rendevano adatta a varie acrobazie.

4 / Shkolnik (scolaro)

Questo modello è stato prodotto dal 1956 fino alla metà degli anni '90, cinque anni dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, a testimonianza della grande popolarità di questa bicicletta. Era utilizzata soprattutto dagli studenti, e da lì deriva il suo nome. 

5 / Orlenok (aquilotto)

Orlenok è stato il più grande “rivale” del modello Shkolnik in termini di qualità dei materiali e popolarità fra gli studenti sovietici. 

L’acquisto di questa bicicletta corrispondeva a un rito di iniziazione al mondo degli adulti. Il telaio dalla forma maneggevole, poi, permetteva una bella presa per portare la bicicletta su e giù per le scale. 

Inoltre, questo modello veniva spesso modificato dagli stessi proprietari, che aggiungevano un motorino trasformando la bici in una mini moto. 

6 / Ural

L'Ural è passata alla storia come una bicicletta da cross-country molto resistente e adatta a sopportare pesi e scossoni: i sovietici, infatti, la misero alla prova per molti anni trasportando qualsiasi cosa, dalle taniche alla legna, dalla spesa alle canne da pesca: e ha sempre dimostrato grande resistenza.

L’Ural non veniva decorata o modificata come spesso accadeva con la Kama, forse perché i suoi acquirenti erano un po’ più grandi.

7 / Turist (turista)

Questo era uno dei modelli più elitari di tutta l'Unione Sovietica: i suoi proprietari erano ammirati e invidiati. 

La Turist era progettata per lunghe pedalate; aveva le maniglie dello sterzo piegate, come le bici da corsa, per migliori prestazioni in termini di aerodinamica.

Una delle caratteristiche più notevoli di questo modello era il suo rivoluzionario sistema di cambio che permetteva di selezionare una delle quattro marce a seconda della velocità del ciclista.

Inoltre, la bicicletta era dotata di un'elegante borsa in pelle sotto la sella. 

LEGGI ANCHE: Storia del primo russo che fece il giro del mondo in bicicletta 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie