Donne in volo, ecco le regine russe dei cieli che hanno coronato il loro sogno di diventare pilota

@juliaandjet; @ryzhikova_m
Non c’è limita alla passione, e queste ragazze lo hanno dimostrato con grinta e determinazione, andando controcorrente e sedendosi ai comandi di una professione quasi sempre governata dagli uomini

Quella dei piloti, purtroppo, è considerata ancora oggi una professione prevalentemente maschile: a livello globale, solo il 5% di chi svolge questo lavoro sui voli commerciali è femmina. Ma ci sono delle donne che vanno controcorrente e lottano ogni giorno contro i luoghi comuni. Ecco chi sono le ragazze che hanno deciso di mettersi alla cloche. 

“Il mondo dell’aviazione non ha limiti, e per tutti gli appassionati è molto di più di un semplice hobby: è una porta aperta sul cielo!”, racconta Olesya Shelaeva, copilota della compagnia aerea low-cost Pobeda.

Shelaeva di recente è stata copilota a bordo dell’insolito volo organizzato dalla compagnia Pobeda da Mosca… a Mosca. Ne avevamo parlato qui.

Yulia Krylova guida il jet d'addestramento militare Aero L-29 Delfin presso l'aeroporto di Oreshkovo, nella regione di Kaluga.

“Sono una persona dipendente dall'aviazione: posso parlare di volo per ore! - dice -. E quando inizio a essere stanca, bevo un po' d'acqua e ricomincio le mie ‘aereo-chiacchiere’”.

“Nel mio blog, racconto com’è bella l’aviazione e com’è bello il cielo, nella speranza di essere fonte d’ispirazione per tutti coloro che mi leggono”, dice. 

Maria Uvarovskaya è pilota in comando dal 2014. Dopo la laurea all'Accademia dell'Aviazione Civile di San Pietroburgo si è unita alla compagnia Aeroflot nel 2007. Ha iniziato a lavorare come copilota sul Tu-154 e ora vola su un Airbus A320.

“Il massimo dell'acrobazia nel mio lavoro è quando tutto è calmo, tranquillo e regolare”, dice Maria.

Margarita Ryzhikova, 25 anni, frequenta la scuola di formazione della regione di Orenburg; dopo il diploma potrà lavorare nell'aviazione civile. Per l'addestramento vengono utilizzati piccoli aerei quadriposto Diamond DA40NG e 42NG. “Cosa significa per una ragazza studiare in una scuola di volo dell'aviazione civile? È lo stesso che per un ragazzo, con l’unica differenza che noi donne ci ritroviamo sempre a dover rispondere a queste domande”, scrive, ironica, confessando che una delle cose più difficili per lei è la sveglia presto… 

La prima e unica pilota al comando della Yakutia Airlines, Anna Lozovskaya, dice di aver ereditato questa passione dal padre, pilota di elicotteri Mi-8.

“Ho sempre guardato mio padre con grande ammirazione, ed è stato lui a trasmettermi questo amore per il cielo, fin dalla mia infanzia. E così ho deciso di seguire le sue orme e di cimentarmi nell'aviazione. I miei genitori, quando hanno saputo della mia decisione di diventare pilota, mi hanno sempre sostenuto - racconta Anna -. All’attivo ho già più di 4.300 ore di volo, di cui 1.100 sono state effettuate per fornire assistenza medica di emergenza nei remoti villaggi della Yakutia, difficili da raggiungere”. 

All'età di 24 anni, Alena Verkhushina è già copilota di un Airbus A320 della Nordwind Airlines. Ha scelto l'aviazione al liceo e ha finito la scuola di formazione nella regione di Ryazan.

“Ora qui ci sono molte ragazze: la richiesta da parte delle donne è aumentata. Forse la popolarità di Instagram ha permesso di far conoscere questa professione, o più semplicemente adesso sanno che le porte del cielo si sono aperte anche per loro”, dice Alena.

Sul suo account Instagram condivide molte foto scattate durante i voli.

Nel 2017, Viktoria Kumova è diventata la prima donna pilota della compagnia aerea Utair. All'età di 31 anni, si è qualificata come pilota in comando di un Boeing-737CL/NG, dopo 9 anni passato come copilota. 

“Mi piace questa sensazione di libertà. Certo, il lavoro è difficile, gli orari sono molto duri, ma non sei legato ad un unico posto: cambi costantemente la città, la vista fuori dal finestrino, la rotta aerea... Ogni volo è unico”, dice.

Anche nel suo caso, la passione per il cielo è stata tramandata da suo padre. “Nel nostro settore, le donne pilota sono spesso trattate con scetticismo, ma quando hanno creduto in me, mi hanno dato la possibilità di realizzare il mio sogno d'infanzia”, ammette Viktoria. 

Maria Trunina è pilota in comando dell'Aeroflot. All'inizio lavorava per i servizi di terra della compagnia aerea, ma poi ha iniziato a cimentarsi nel volo. Questa sua passione l’ha portata a essere prima pilota commerciale nell’aviazione leggera, e poi a studiare per diventare pilota certificato di Boeing 737. 

Ну вот и мы слетали приятной женской компанией!

Опубликовано Марией Труниной Вторник, 20 августа 2019 г.

La pilota russa Svetlana Kapanina è sette volte campionessa mondiale assoluta negli sport aerei.

Ha trascorso più di 30 anni in volo: ha iniziato ad allenarsi alla fine degli anni '80 in un aeroclub e, dal 2000, Svetlana lavora come pilota istruttore per il Sukhoj Design Bureau. Difficile da credere, ma Svetlana è diventata pilota per caso: in gioventù voleva fare paracadutismo, ma ha confuso gli appuntamenti e così ha iniziato a frequentare un corso di volo sportivo.

Olga Yeroshenko è pilota commerciale. Si occupa di trasporto aereo e di coordinamento delle rotte. Nel suo blog, spiega cosa significa essere una bionda in volo e scherza sulla combinazione della sua manicure con il colore dell'aereo. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie