I russi stanno bruciando la neve sostenendo che è artificiale! (VIDEO)

Nikolaj Super/YouTube
Cresce sui social la leggenda metropolitana secondo cui le precipitazioni nevose abbondanti di questi giorni sarebbero artificiali, addirittura “di plastica”, o causate dalle “scie chimiche”. Ma si può essere tanto creduloni?

Il challenge della neve è iniziato nel Sud della Russia, nel Territorio di Krasnodar. Lì non nevica troppo spesso, e quando la neve cade, di solito si scioglie molto rapidamente. Quest’anno, l’inverno in Russia è stato più freddo rispetto agli anni precedenti e alcune persone del posto hanno iniziato a insospettirsi per il fatto che la neve non si scioglieva e a fare strani esperimenti.

Il video, pubblicato dall’account instagram “typodar” il 12 gennaio, mostra un uomo che forma una palla di neve nel suo cortile, la compatta ben bene e poi cerca a lungo di farla sciogliere con un accendino da fornelli. Lo tiene acceso per un tempo piuttosto lungo, circa 40 secondi, ma la neve non si scioglie, solo diventa nera. “Cosa dovrebbe fare la neve con il fuoco? Sciogliersi!”, dice l’uomo e aggiunge che probabilmente è tutto a causa delle sostanze chimiche nella neve.

Il suo video ha avuto subito molte visualizzazioni. E così diversi altri residenti della regione hanno cercato di fare lo stesso. “Questo non è uno scherzo. Fuma, ma non una singola goccia mi cade sulla mano, sembra davvero di plastica”, commenta un altro cittadino di Krasnodar riguardo al suo esperimento sulla neve.

Le straordinarie proprietà fisiche della neve hanno suscitato interesse anche nella vicina regione di Rostov. “Abbiamo visto un video girato a Krasnodar dove la loro neve non si scioglie e abbiamo deciso di controllare anche noi”, commenta la signora nel video. “Puzza come una bottiglia di plastica che viene bruciata. Ben fatto, scie chimiche!”

Quello che ormai era diventato il più classico dei challenge sui social è stato ripetuto anche a Volgograd. “Dopo aver visto i video di Krasnodar e Rostov, vedendo che la loro neve è di plastica, abbiamo deciso di fare lo stesso esperimento a Volgograd”, dice una donna, che fa una palla di neve e la brucia con un accendino. “Sì, in effetti, la neve non si scioglie, non gocciola nemmeno, ma fonde come una bottiglia di plastica.” Anche l’odore impressiona la gente del posto e la donna conclude che anche loro hanno “neve di plastica”.

In effetti, questo esperimento può essere spiegato molto facilmente: una palla fatta in quel modo è neve compressa, che ha un’elevata conduttività termica. Non cadrà nemmeno una goccia fino a quando l’intera palla di neve non si avvicinerà alla temperatura di scioglimento, dando l’impressione che la neve non si sciolga. Sulla neve compaiono fuliggine e odore di “plastica”, a causa dei gas dell’accendino che vi si depositano. “Se hai studiato male fisica a scuola, la tua vita sarà sempre piena di magia!”, è il modo in cui un utente ha giustamente reagito a uno di questi video.


Igloo, palazzi, statue: cosa fanno i russi con la neve 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie