Come salvare la relazione a distanza con il partner russo ai tempi del Covid-19

Getty Images
Molte coppie prima della pandemia vivevano in Paesi diversi e volavano a intervalli più o meno regolari avanti e indietro per incontrarsi. Con la pandemia è diventato molto difficile, se non impossibile. Ma la lontananza sai è come il vento…

Il 2020 ha rappresentato una grande sfida per le coppie che vivono in Paesi diversi. Come mantenere vivi i sentimenti con i confini chiusi, senza più poter volare a intervalli regolari l’uno dall’altro? Abbiamo chiesto ai nostri lettori di dirci cosa hanno fatto per salvare le loro relazioni a distanza con russi e russe in generale e quest’anno in particolare. Ecco le risposte che abbiamo raccolto.

“Dio benedica Skype”

“Onestà, fiducia l’uno nell’altro. E Dio benedica Skype!”, scrive una persona con il nickname matadanalu.

Altri lettori sono d’accordo e raccontano di essersi videochiamati praticamente ogni giorno.

“Non dovete per forza essere scettici riguardo alle relazioni a distanza… possono funzionare se entrambi siete pazienti”, scrive Alain B (A1ainb). “Ci siamo visti su Skype praticamente tutti i giorni, anche durante l’orario di lavoro. Mia moglie lavora come direttrice di banca nella regione di Orenburg, quindi poteva connettersi facilmente in qualsiasi momento dal suo ufficio. Ci siamo conosciuti a febbraio 2011, il suo visto è stato approvato a novembre e si è trasferita in Norvegia a dicembre dello stesso anno. Ci siamo sposati nel giugno 2012, e siamo ancora felicemente sposati”.

Oltre a trovare il tempo per chiacchierare, i nostri lettori hanno ricordato come sono riusciti a festeggiare insieme compleanni e vacanze. Sfortunatamente, i party virtuali sono stati la migliore opzione disponibile quest’anno.

“Sono completamente innamorata del mio uomo, Andrej, che è cittadino russo, mentre io sono americana”, dice Cheryl Goodman. “Domani festeggiamo il suo compleanno. Sto organizzando una festa di compleanno virtuale per il mio amore. Ho ordinato una torta e metterò delle decorazioni nell’appartamento in modo che quando ci parliamo tramite videochiamata possiamo festeggiare insieme. Faremo in questo modo, in attesa di quando potremo festeggiare davvero insieme l’anno prossimo, dopo che ci saremo sposati.”

“Sono in Indonesia e lui ora è a Kazan. Le relazioni a distanza richiedono molto lavoro, impegno, fiducia e, soprattutto, tempo. Sembra spaventoso, ma l’amore vince su tutto”, scrive Demistriydh. “Era il 2018, la prima volta che ci siamo incontrati. Entrambi abbiamo conseguito un master in una delle università di Sydney, in Australia. Mi ha chiesto di sposarlo due mesi dopo che abbiamo iniziato a frequentarci. Pochi mesi dopo, lui e la sua famiglia sono venuti in Indonesia per farmi una proposta di matrimonio secondo i valori culturali del popolo indonesiano e davanti ai miei genitori, alle famiglie allargate e agli amici. Quindi, eccoci qui, stiamo insieme da quasi tre anni, un anno insieme a Sydney e quasi due anni di relazioni a distanza tra Indonesia e Russia. Il mio fidanzato mi ha dimostrato che una relazione a distanza è possibile e non richiede troppi sforzi.”

Incontri in giro per l’Europa

Prima della pandemia, una delle opzioni principali per le coppie di Paesi diversi era quella di incontrarsi per le vacanze in un Paese terzo.

“Ci siamo incontrati per la prima volta a Berlino, era l’inizio del 2014. Volevo imparare il russo, lei voleva migliorare il suo inglese”, scrive Stevenxon. “Dopo, per restare in contatto, ci siamo visti tutti i mesi, a cominciare da Nizza, Budapest, Maiorca, Riga, Bruxelles, Amsterdam, poi lei è venuta da me in Svizzera, e io sono andato da lei a Mosca. Fino al 2016, quando ha deciso di trasferirsi in Italia per prendere un master e starmi vicino. Ed eccoci qui, a progettare una famiglia insieme. Siamo stati partner sin dal primo sguardo durante i viaggi in Europa.”

Uno sviluppo positivo è il movimento #LoveIsNotTourism. I Paesi partecipanti hanno fatto eccezioni alle restrizioni di viaggio, consentendo alle coppie di andarsi a trovare. I Paesi che hanno fatto eccezioni alle chiusure delle frontiere per le coppie non sposate sono principalmente in Europa, mentre purtroppo la Russia non ha preso parte all’iniziativa. Molte persone sono pronte a sottoporsi a test Covid, quarantene e altre misure pur di andare all’estero e vedere il proprio partner.

“Ho sposato l’amore della mia vita a Tjumen il 23 maggio 2019. Da allora, viaggio avanti e indietro da Greater Sudbury, Ontario, Canada, ogni 3 mesi utilizzando diversi visti”, scrive Daniel de Chevigny. “Attualmente sto aspettando il mio prossimo visto e dovrei tornare da lei, dai miei due figliastri e da nostro figlio nei prossimi giorni. Non vedo l’ora di ricevere il mio permesso di soggiorno temporaneo, che dovrei ottenere il 29 gennaio 2021. È stato estremamente difficile organizzare il volo, ma sono stato molto fortunato”.

Un amore che costa

“Soffrivamo molto a causa della cattiva connessione a Internet che faceva funzionare malissimo Skype, tanto che spesso non riuscivamo a vederci ma solo a sentirci”, scrive e.vinstory, che viene dalla Malesia e ha sposato un russo originario della Siberia. “Chiamare tramite VOIP è un’opzione più economica e consente conversazioni più lunghe. La nostra fortuna era poi che la differenza di fuso orario era poca. Ma probabilmente mi sarei potuta comprare una Ferrari con i soldi spesi per continuare a volare avanti e indietro da Jakarta a Novosibirsk in questi anni. Questa è la cosa più dolorosa, ma ne è valsa la pena”. Ora sono sposati e vivono a Novosibirsk.

Le relazioni a distanza possono essere piuttosto costose, ma i nostri lettori concordano sul fatto che passare del tempo insieme è più importante del denaro.

“Mia nuora russa è meravigliosa. Abbiamo anche una bellissima nipote. La cosa peggiore è essere separati!”, dice Donna Nicoll. “Mio figlio è in Australia e loro sono in Russia. Il governo australiano rende difficile ottenere i visti! Anche da prima del Covid! È una strada molto lunga, difficile, e costosa per loro. Ora è straziante non vederli da più di un anno”.

E se non sapete cosa fare finché non sarà possibile vedersi, la lettrice elena_ru_teacher consiglia di utilizzare il tempo per imparare il russo ed “essere pronti al 100% per il prossimo incontro”!


Sette buoni motivi per non fidanzarsi mai con una ragazza russa 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie