L’arte di trasformarsi: ecco chi sono le bellissime regine russe del cosplay

Evgenij Odinokov/Sputnik
Da Hermione Granger di Harry Potter a Lara Croft: ecco alcuni degli affascinanti personaggi creati e interpretati dalle più popolari cosplayer russe

1 / Irina Meier (846.000 follower) 

Il vero nome della cosplayer forse più popolare in Russia è Irina Pirozhnikova. È nata in Ucraina nel 1997, ma si è trasferita nella regione di Mosca da ragazzina, così come lei stessa ha raccontato a Championat.ru.

Irina si è interessata al cosplay quando aveva 11 anni. In un'intervista, ha raccontato di avere un altro hobby: il ballo e il trucco. 

Irina ha vestito i panni di Babydoll del film Sucker Punch, Dota 2 e Harley Quinn di Batman, Arkham Knight, Sonya Blade di Mortal Kombat X, Supergirl, Lara Croft e molti altri. 

2 / Zhanna Rudakova (476.000 follower)

Zhanna non parla molto della sua vita privata, perciò non ci sono informazioni precise sulla sua città natale, i suoi studi, la sua età… Tuttavia, nella comunità cosplay è conosciuta come la prima cosplayer russa ad aver trasformato il suo hobby in un business di successo, secondo il “Geek’s Way: Cosplay & Stuff”

Zhanna pratica il cosplay e fa parrucche su ordinazione dal 2009. Gestisce anche un sito web che vende stampe e poster e ha uno studio fotografico per cosplayer.

L'elenco dei personaggi che ha interpretato è infinito, e comprende non solo i personaggi femminili di “The Witcher”, “Prince of Persia”, “X-Men”, “Silent Hill” e altri film, videogiochi e serie televisive, ma anche personaggi maschili, come Joker.

3 / Ilona Bugaeva (430.000 follower)

Ilona è di San Pietroburgo. La sua passione per il travestimento cosplay è nata nel 2014, quando ha partecipato a una festa a tema insieme ad alcuni amici. Ha fatto la sua prima apparizione in versione cosplay vestendo i panni di Elizabeth del videogioco “BioShock Infinite”. 

“I miei amici sostenevano che ero l'immagine sputata di Elizabeth e che se non avessi fatto cosplay avrei commesso un grosso errore. E così ho scaricato il videogioco, ci ho provato e mi sono innamorata di questo personaggio. Un mese dopo ho partecipato a un festival cosplay vestita e truccata come Elizabeth”, ha raccontato Ilona in un'intervista a Metro

Bugaeva ha aperto un profilo Instagram dove pubblica i suoi travestimenti: i più belli sono quelli di Bella de “La Bella e la Bestia” e Khaleesi. 

Ilona studia all'Università Statale di San Pietroburgo, dove si sta laureando in psicologia.

4 / Anastasia Zelenova (101.000 follower) 

Da bambina, Anastasya, originaria di Ivanovo, sognava di fare la ballerina; ma nella sua piccola città natale non c'erano opportunità per intraprendere una carriera nella danza. E così a 15 anni si è avvicinata al cosplay e ha guadagnato popolarità grazie ai suoi travestimenti ispirati ai videogiochi e ai film di Lara Croft.

“Tutto è iniziato nel 2008, quando non sapevo ancora cosa fosse il cosplay. Ho visto le foto di ragazze vestite da Lara Croft e ho deciso che dovevo provare anch'io. Quello stesso anno ho realizzato un costume da Lara Croft per un servizio fotografico fatto con il cellulare. Oggi i ricordi di quel servizio fotografico mi fanno sorridere”, ha ricordato Anastasya in un'intervista

Nel tempo libero, Anastasya balla per tenersi in forma e nel 2018 ha fondato un'agenzia di cosplay, dove gli organizzatori di eventi possono assumere cosplayer per le loro feste.

5 / Elena Samko (49.300 follower)

Elena viene da Novosibirsk. Ha iniziato a fare cosplay nel 2014. In un'intervista ha raccontato di essersi avvicinata a questo mondo dopo aver realizzato dei personaggi per alcuni servizi fotografici e produzioni teatrali.  

Elena preferisce i personaggi horror e ne studia il trucco e il costume fin nei minimi dettagli. In alcuni dei suoi personaggi è praticamente irriconoscibile.

Nel tempo libero, Elena si diverte a giocare ai videogiochi e studia le lingue straniere.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie