Covid, a Mosca tracciamento obbligatorio per i clienti dei locali notturni

Pixabay
Dal 19 ottobre si potrà entrare solo scansionando un codice QR o inviando un SMS: la misura servirà a rintracciare i contatti di un eventuale contagiato. Nuove regole anche per le scuole

Il covid a Mosca torna a fare paura. Mentre la Russia registra il numero più alto di decessi dall’inizio della pandemia (286 nuovi morti per un totale di 23.491), nella capitale entrano in vigore le nuove restrizioni volute dal sindaco Sergej Sobyanin per frenare la diffusione del virus: dal 19 ottobre sarà possibile entrare nei locali notturni che lavorano da mezzanotte fino alle 6 del mattino (discoteche, bar e locali di intrattenimento) solo previa registrazione del proprio numero di telefono. Entrando nel locale, i visitatori dovranno scansionare un codice QR o inviare un SMS al numero 7377. Nel caso in cui venisse successivamente appurato un caso di positività al Covid-19, il sistema permetterà di avvisare tutti i presenti invitandoli a fare il test.

Ma se si dovesse registrare un ulteriore aumento dei casi, non si escludono misure ancor più restrittive, così come ha detto il sindaco sul sito ufficiale, come la chiusura di bar e ristoranti. “Non abbiamo ancora voluto adottare questo provvedimento. Questo settore fa parte dell'economia della città”, ha detto Sobyanin, aggiungendo che “l’esperimento” del tracciamento è stato avviato dopo aver consultato i rappresentanti del settore.

Dal 19 ottobre, poi, gli studenti delle scuole elementari (classi 1-5) ritorneranno regolarmente in classe, riprendendo le lezioni frontali, mentre gli studenti più grandi (classi 6-11) passeranno alla didattica a distanza; dal 19 ottobre fino al 1° novembre verranno chiusi tutti gli istituti di educazione complementare e le organizzazioni ricreative per bambini che si trovano sotto la giurisdizione del Governo di Mosca.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie