Le donne di tutto il mondo si fanno sempre più spesso le “labbra russe” (FOTO e VIDEO)

evgeshaaevgesha
Su Instagram sono stati pubblicati quasi 80 mila post con l’hashtag #russianlips, e il numero di visualizzazioni video con questo hashtag su TikTok si avvicina ai 4 milioni.Vi spieghiamo cosa sono queste labbra e perché sono così popolari

Immaginate una matrioshka russa. Sul viso della bambolina tradizionale saranno sempre dipinte guance rosa brillante e, naturalmente, le labbra saranno carnose, e notevolmente ingrandite al centro.

Labbra così sono offerte alle clienti dai medici estetici russi (“vrach-kosmetolog”; da non confondere con il semplice “kosmetolog” che non necessita di laurea, ma solo di formazione professionale ed è sostanzialmente un “estetista”) dal 2015. E ora il “metodo russo” si fa sempre più largo anche all’estero.

Le ragazze ottengono labbra simili grazie alle iniezioni di filler all’acido ialuronico.

La procedura è dolorosa, quindi, al fine di ridurre il dolore, chi fa il trattamento applica una crema anestetica sulle labbra e, dopo che questa ha fatto effetto, inietta il farmaco.

Il tutto di solito non richiede più di 15-20 minuti. La maggior parte del farmaco viene iniettata nel centro delle labbra per ottenere quell’effetto matrioska tanto desiderato. Dopodiché, il medico fornisce raccomandazioni alla paziente e la lascia andare a casa.

Per i primi tre giorni, il gonfiore persisterà sulle labbra, dopodiché si attenuerà e le labbra appariranno più naturali.

L’effetto labbra carnose dura da 4 a 6 mesi. In Russia, il costo medio di una procedura è di 15 mila rubli (175 euro). All’estero, il prezzo di una seduta può variare dai 350 ai 650 euro.

Tali labbra sembrano più simili a quelle delle bambole e per questo piacciono a un sacco di ragazze.


Perché le donne russe spendono così tanti soldi in cosmetici e procedure di bellezza? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie