Cinque fatti da sapere sulla prjalka, il filatoio russo decorato come un’opera d’arte

Sergej Samokhin/Sputnik
Strumento d’uso quotidiano per le donne russe del passato, era anche un elemento di moda, finemente scolpito e pitturato, e poteva essere usato come dote o come regalo di lusso da parte di uno spasimante. Oggi è un richiesto oggetto da collezione

1 / Il filatoio russo è qualcosa di unico

Neppure le altre popolazioni slave hanno un equivalente dei filatoi russi, quanto a forme ricercate e decorazioni. La prjalka (come è chiamato in russo il filatoio) è stata utilizzata in Russia fino agli anni Trenta del Novecento. I ricercatori non sono unanimi su quando siano apparsi esattamente nel Paese i primi filatoi e su quando abbiano iniziato a essere decorati, perché questi oggetti domestici di uso comune hanno iniziato a essere raccolti nei musei solo nel XIX secolo. I filatoi più antichi arrivati fino a noi risalgono alla fine del XVIII secolo.

Molto spesso, erano realizzati in legno massello (abete rosso, pioppo tremulo, betulla e altri legni duri) in un pezzo unico. Con la radice veniva ricavato il fondo orizzontale (detto dóntse), su cui stava seduta la ragazza, mentre dal tronco si ricavavano lo stelo e la paletta della prjalka, che poi erano decorati. Questo tipo di prjalka in massello era detta “tselnaja”, ed era molto diffusa in tutto il Nord russo e in Siberia.

Nelle città e nei villaggi della Russia centrale, e specialmente lungo le rive del Volga, si trovava invece più spesso il filatoio composito (“prjalka sostavnaja”), che non aveva una paletta ma un pettine, e della quale si decorava il fondo. Dopo la filatura, la struttura poteva essere smontata e il fondo veniva appeso al muro come ornamento.

2 / La prjalka accompagnava una donna russa per tutta la vita

Il primo piccolo filatoio veniva regalato alle bambine attorno ai sei anni. Le donne russe filavano da fine novembre fino alla fine dell’inverno, nel periodo in cui non c’erano lavori agricoli. Durante questo lungo periodo, nel corso della filatura, venivano raccontate favole e talvolta erano invitati dei musicisti a suonare, come forma di intrattenimento.

Le ragazze organizzavano delle “vechjorki”, delle serate in cui si “andava a veglia” e tutte insieme si filava, chiacchierando e divertendosi. Si vantavano l’un con l’altra, e ostentavano i filatoi più riccamente decorati. A tali festicciole, si presentavano anche i ragazzi dei villaggi vicini, per trovarsi una fidanzata. E una prjalka costosa, egregiamente decorata, poteva essere un “indicatore” di una sposa ricca.

3 / Era considerato un oggetto di lusso

I filatoi venivano venduti alle fiere e costavano un sacco di soldi. Per intenderci, 5 rubli o più, un prezzo con cui si poteva comprare una vacca nel XIX secolo. I genitori acquistavano la prjalka alla figlia come parte della dote, e una bella prjalka nuova poteva essere un regalo di lusso da parte dell’aspirante marito. Spesso sulle palette ci sono firme di artigiani o dediche.

Di conseguenza, a differenza di altri articoli per la casa, i filatoi erano trattati con grande attenzione, ed è per questo che sono così ben conservati (e possono essere trovati in molti musei russi).

LEGGI ANCHE: Perché in Russia ci sono così tanti musei di storia locale e case museo? 

4 / In Russia, c’erano tre centri principali per la decorazione dei filatoi

Quasi tutti i filatoi che si sono conservati fino a oggi e che si trovano nei musei provengono da centri d’arte specifici e sono decorati da artigiani professionisti. Tre luoghi erano particolarmente rinomati e hanno dato vita a una loro tradizione.

Pittura del Mezen, regione di Arkhangelsk

Nell’estremo nord della Russia, sul fiume Mezen, ci sono i villaggi di Palasherje e Kimzha (inclusi nella lista dei villaggi più belli della Russia), dove i maestri dipingevano nello stile degli ornamenti dell’antica Rus’. Rappresentavano renne che correvano e altri animali, e motivi geometrici, utilizzando fuliggine e argilla.

Pittura di Boretskaja e Permogorje, regione di Arkhangelsk

Un altro importante centro artigianale nel nord russo era sul fiume Dvina settentrionale. Nei villaggi di Permogorje e Borok c’erano intere dinastie di artigiani di talento. La foglia d’oro veniva spesso usata nelle decorazioni. Rappresentavano ornamenti vegetali, l’albero della vita e gli uccelli del paradiso. Inoltre, i filatoi erano spesso decorati con scene e simboli festivi, in particolare con le tipiche carrozze usate durante gli sposalizi.

Intaglio e pittura di Gorodets, regione di Nizhnij Novgorod

Nel villaggio di Gorodets, sul Volga, nel XVIII secolo, i filatoi iniziarono a essere abbelliti con intagli, e come legno da intarsio si usò la rara quercia nobilitata, i cui tronchi erano rimasti a lungo nell’acqua del fiume e avevano acquisito un bellissimo colore nero. Più tardi, nel XIX secolo, si passò anche alla pittura. I filatoi di Gorodets erano considerati molto alla moda: a differenza dei mastri del Nord, quelli locali rappresentavano soggetti moderni con carrozze e dandy in abiti urbani.

5 / Un oggetto da collezione

Oggi, questi filatoi sono tornati di moda, ma come oggetto unico di arte e decorazione d’interni, tanto che molti designer moderni creano oggetti da parete usando motivi di arte popolare.

Negli anni Novanta, i musei smisero di inviare spedizioni di ricerca nel Nord russo: avevano già raccolto un numero sufficiente di reperti. Tuttavia, i privati hanno continuato a cercare prodotti artigianali, tra cui filatoi decorati.

E famosi collezionisti di antiquariato, come i collezionisti di Mosca Aleksej e Ksenija Nikitin, hanno acquistato la prima prjalka nella regione di Vologda nel 2004, e ora ne hanno circa mille nella loro collezione. Organizzano mostre in tutta la Russia.

Per l’aiuto nella preparazione di questo articolo, Russia Beyond ringrazia il Museo di arti decorative di tutta la Russia e personalmente Natalja Denisova, storica dell’arte, vicedirettrice del Centro di diffusione della cultura di questo museo, che conserva una delle collezioni più grandi e uniche di tutta la Russia.


I colori della tradizione sull’artigianato di Gorodets 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie