Quarantena, dalla Russia il nuovo flashmob per rispondere (finalmente) alle domande ignorate

Anton Romanov
L’idea è partita dal comico Kirill Selegej, che con la sua iniziativa #неотвечатьгрубо (#NonRispondereSgarbatamente) invita ad approfittare del tempo libero dell'isolamento per concludere, anche a distanza di anni, le conversazioni iniziate e mai terminate. Con un'unica regola: rispondere con gentilezza. Il risultato è esilarante

Quante volte abbiamo rimandato all’infinito una risposta, magari a un SMS ignorato e finito nel dimenticatoio? Adesso in Russia le domande rimaste fino ad ora inascoltate troveranno finalmente un riscontro. L’iniziativa è partita dal comico Kirill Selegej, che dalla noia della quarantena ha lanciato un nuovo flashmob: #неотвечатьгрубо (#NonRispondereSgarbatamente). L’idea è semplice: i partecipanti devono recuperare vecchi messaggini fino a prima ignorati, per qualsiasi motivo, e fornire finalmente una risposta. Non importa se l’SMS in questione è ormai vecchissimo, e chissenefrega se la tanto attesa risposta suonerà ormai ridicola o ironica. L’importante è che non sia sgarbata.

L’iniziativa di Selegej ha ottenuto più di 5.000 “mi piace”. E le risposte non si sono fatte attendere. Abbiamo selezionato le più curiose. 

15 marzo 2009:

“Ciao Igor! Sei entrato a far parte del mio gruppo dedicato alla profumeria! Ti interessa il mondo dei profumi?”.

19 aprile 2020:

“Sì”, risponde ironicamente l’utente, che si firma @Graypfruit.

A due anni di distanza, l’utente @sova_ne_camera, stanco dell’isolamento, risponde a un vecchio invito a uscire di casa.

14 settembre 2018: 

“Il 23 settembre a Perm si terrà una riunione di appassionati di cartoni animati giapponesi. L’evento si terrà in centro. Ti aspettiamo”.

20 aprile 2020:

“Voglio andare alla riunione di appassionati di cartoni animati giapponesi. Voglio andare in centro. Quando posso venire?”.

Concisa la risposta di @dianushkayo, anche se arriva con un leggero ritardo...

30 settembre 2013: 

“Signore, è qui?”

19 aprile 2020:

“Sì”. 

@Chilikto ha invece deciso di ricordare gli anni della scuola… 

2 settembre 2009: 

“Come va? Come è andato il primo giorno di scuola? Quale anno stai frequentando?”. 

“L’11esimo. È terribile, adesso ogni voto è importante”. 

“Oh! Ma quanti anni hai?”.

19 aprile 2020:

“27”.

@vizar_vizual ha trovato un’ottima scusa per riprendere una vecchia chat con una ragazza che gli piaceva....

7 novembre 2010:

“Ciao bella. Ti va se ci conosciamo?”.

“Ciao. Ok!”.

20 aprile 2020: 

“Scusa, mi sono leggermente distratto dalla conversazione. Cosa ti piace fare?”.

@Papricovyyuser risponde a un invito a uscire… Chissà se le tempistiche gli porteranno fortuna...

27 marzo 2014:

“Ti va se ci vediamo?”

19 aprile 2020:

“Da me o da te?”

Una ragazza che si firma @how2benormal ha deciso di dare una seconda possibilità a un ragazzo che ha dimostrato interesse nei suoi confronti. Come sia finita la storia, però, non lo ha raccontato...

3 aprile 2019: 

“Lena”.

“Sì?”.

“Non vuoi più parlare con me?”.

20 aprile 2020:
“Sì che voglio”. 

“Anch’io”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie