Costruisce un finto valico di frontiera promettendo di “traghettare” i migranti in Europa: arrestato

Damschen, D./Global Look Press

La settimana scorsa le autorità russe hanno arrestato un uomo che aveva creato, dal nulla, un valico di frontiera in un bosco della Finlandia. Il mascalzone prometteva a lavoratori migranti di trasportarli clandestinamente in Unione Europea… in cambio di una lauta ricompensa.

Con questa falsa dogana ha poi convinto quattro uomini del sud-est asiatico a sborsare più di 10.000 dollari in cambio di un “passaggio” dall’altra parte del confine russo. La truffa è stata smascherata dalle guardie di frontiera mercoledì scorso e ripresa dall’agenzia Interfax.

Lungo il cammino che conduceva alla presunta dogana, l’uomo ha installato dei cartelli finti che indicavano il confine fasullo tra Russia e Finlandia. Una volta completata la messa in scena, l’uomo ha accompagnato i quattro malcapitati lungo una tortuosa strada nella regione di Vyborg, percorrendo un tratto in auto e un altro a piedi; per un pezzo del tragitto hanno addirittura proseguito a bordo di un gommone gonfiabile, “per prudenza”, così come avrebbero commentato più tardi le vittime del raggiro.

I cinque sono stati scoperti e arrestati. I migranti sono stati multati da un tribunale di San Pietroburgo, che ne ha poi ordinato la deportazione. L’artefice del diabolico raggiro invece dovrà rispondere di truffa.

Gli imbrogli corrono anche su internet: se una russa sexy chatta con voi e poi vi chiede dei soldi state attenti: è una scammer, come vi abbiamo raccontato qui!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie