Il leggendario aereo sovietico Tupolev Tu-134 va in pensione

Legion Media
L’ultimo decollo il 20 maggio, poi diventerà pezzo di esposizione nel nuovo museo dell’aviazione di Novosibirsk. Fu uno degli aerei di linea più prodotti in Urss

L’aereo di linea sovietico Tupolev Tu-134 è decollato per l’ultima volta il 20 maggio 2019. Alrosa è stata l’ultima compagnia a utilizzare questi aerei di linea sulle rotte passeggeri verso la Siberia

Una volta atterrato, il velivolo ormai in pensione è stato consegnato al nuovo museo dell’aviazione di Novosibirsk

Ma il Tu-134 non lascerà definitivamente i cieli russi: diversi aerei di questo stesso modello continueranno a essere utilizzati come aerei da carico e business jet

I Tu-134 continueranno a volare come aerei passeggeri in Siria, Sudan e Corea del Nord

Il Tu-134 è stato tra gli aerei di linea maggiormente prodotti in Urss: ne sono stati costruiti 854 modelli ed è stato esportato anche nei paesi del Patto di Varsavia

Il Tu-134 è stato il primo aereo di linea sovietico a essere certificato dall'Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile (ICAO), che ne ha permesso l'utilizzo sulle rotte internazionali

Durante uno dei primi voli di prova, un fulmine colpì il parabrezza della cabina di pilotaggio; come per miracolo, attraversò tutto il corpo dell’aereo, uscendo dall’altra parte senza danneggiare l’equipaggio

Il Tu-134 è sempre stato apprezzato per la sua grande affidabilità e per le eccezionali caratteristiche tecniche. A differenza di molti jet moderni, può decollare e atterrare in sicurezza con un forte vento laterale di 20 m/s e un vento contrario di 30 m/s

Nel 2002 l’aereo di linea è stato messo al bando dal traffico internazionale perché non rispetterebbe le nuove norme ICAO sul rumore

Il Tu-134 è stato anche coinvolto in una delle più gravi catastrofi aeree di tutti i tempi. A causa di un errore di controllo, due velivoli Tu-134 si scontrarono l'11 agosto 1979 nei cieli sopra l'Ucraina. Nell’incidente morirono 178 passeggeri e membri dell'equipaggio

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie