Belle da morire: le storie drammatiche delle reginette di Miss Russia

Aleksandr Ovchinnikov/TASS; Vitalij Arutjunov/Sputnik; Wikipedia
Arrestate, uccise, cadute nel vortice della dipendenza. Cronache di vite distrutte, dalla fama al baratro

1 / Svetlana Kotova, finalista a Miss Russia 1996: Assassinata

La polizia l’ha cercata per mesi. Fino a quando, nel maggio del 1997, non lontano da Atene, in Grecia, è stata rinvenuta una valigetta: al suo interno, pezzi di corpo umano. Erano i resti di Svetlana.

Svetlana Kotova non è riuscita a ottenere lo scettro di reginetta. Ma la fama l’ha raggiunta lo stesso. E con essa, anche la disgrazia. 

Poco dopo il concorso di bellezza, dove si è classificata tra le finaliste, la giovane ha firmato un contratto con un’agenzia di modelle di Mosca, la Red Stars. 

Nel dicembre del 1996, in una discoteca della capitale, conosce un uomo. Un ragazzo educato, galante e benestante. Nel giro di pochi mesi nasce l’amore. Ma la giovane, all’epoca 22enne, non sa di essersi perdutamente innamorata di uno dei peggiori serial killer della storia russa: Aleksandr Solonik, ricercato, latitante. Nonostante le frequenti “visite di lavoro” nella sua terra natale, viveva in Grecia per fuggire alle forze dell’ordine.

Nel gennaio del 1997 la ragazza prende una settimana di vacanza per far visita al proprio amante in Grecia. Lì l’uomo si era costruito una lussuosa villa, vivendo nello sfarzo più estremo.

Per Svetlana era il primo viaggio all’estero. Ogni giorno si teneva in contatto con la propria famiglia, ma non il 31 gennaio. In quel giorno, una vecchia amica e “collega” del sicario, Sasha Soldat, fece visita alla villa dell’uomo. Svetlana fu uccisa senza pietà. Il suo cadavere, fatto a pezzi, fu ritrovato quattro mesi dopo all’interno di una valigetta. 

2 / Aleksandra Petrova, Miss Russia 1996: Assassinata

Aleksandra si aggiudicò il titolo di donna più bella del paese a soli 16 anni, trionfando nella stessa competizione dove partecipò anche la sfortunata Svetlana Kotova. E proprio come Svetlana, anche lei fece una brutta fine. 

Nel giro di pochi anni Petrova iniziò a ottenere un grosso successo come modella. E a Cheboksary, sua città natale, conobbe un giovane businessman, Konstantin Chuvilin, secondo alcuni legato a una banda criminale che reinvestiva i propri profitti nel mondo degli affari legali. 

Ed era proprio Chuvilin il bersaglio di un killer che si appostò in attesa dell’arrivo della coppia e di altri due uomini d’affari sulle scale d’ingresso di un complesso residenziale di Cheboksary. 

Petrova fu colpita da un proiettile vagante. La giovane Miss Russia morì durante la corsa in ospedale, due giorni prima del suo 20esimo compleanno.

3 / Anna Malova, Miss Russia 1998: Arrestata 

Anna Malova vinse lo scettro di donna più bella del paese nel 1998. Aveva 27 anni. Poco dopo il suo trionfo, rientrò nella rosa di 10 finaliste nel concorso Miss Universo, tenutosi alle Hawaii. 

“Non ci sono grandi differenze tra le persone delle giovani generazioni: ognuna di loro ama uscire, andare in discoteca, si divertono tutte allo stesso modo”, aveva dichiarato la ragazza quando in un’intervista le chiesero che cosa avessero in comune le giovani della Russia e del Ghana. Ma forse Anna amava queste cose molto più delle sue coetanee. 

Presto, infatti, iniziarono i problemi e la dipendenza da farmaci. 

La reginetta firmò un contratto con un’agenzia americana di modelle e si trasferì negli Usa per lavoro. In poco tempo fu arrestata più volte per furto di ricette e aggressione. 

L’ultimo arresto risale al 2011. È stata rilasciata nel 2013 dopo un periodo di riabilitazione. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie