Il videogioco che simula alla perfezione la vita in una periferia russa

Ilya Mazo/YouTube
Si chiama “Winter” e vi farà balzare in un appartamento di costruzione sovietica. In modo molto realistico, non ci sarà granché da fare per divertirsi

All’improvviso, ti ritrovi durante la notte in un piccolo appartamento di una città russa. Sei povero: non hai nemmeno un computer; solo una radio in cucina. Controlli il frigo per vedere se c’è qualcosa da mettere sotto i denti. Sorprendentemente, ci sono dei pomodori, alcune uova e un po’ di salame. Il microonde funziona. Tuttavia, il bollitore non c’è, quindi niente tè. Nel tuo salotto, due fiori tristi appassiscono sul davanzale. Un tappeto è appeso al muro. Fuori, nevica incessantemente…

Per tutti voi amanti dell’oscura arte russa, il gioco “It’s Winter” è stato creato come parte di un progetto intitolato “WINTER”, del poeta moscovita Iljà Mazo. Il progetto, che l’autore chiama “un’opera digitale”, include un libro di poesie, un cortometraggio, un album musicale e una performance teatrale che deve ancora essere annunciata.

Una realtà che non funziona bene

Ma è il videogioco, non le poesie o la futura pièce, ad aver attirato la maggiore attenzione sia dai giocatori che dai media russi e anglofoni. Reso disponibile su Steam all’inizio di marzo 2019, il gioco sembra una perfetta simulazione della vita russa. Purtroppo, la simulazione funziona male come la vita stessa. È stato fatto apposta? 

Creato da Alexandre “sad3d” Ignatov, “It’s Winter” è solo un walking simulator”. Molto simile a “Dear Esther” dello sviluppatore di videogiochi The Chinese Room, il giocatore può solo camminare e interagire con gli oggetti selezionati. Può aprire e chiudere il frigorifero, accendere e spegnere la luce, ma non può sedersi o sdraiarsi. Può accendere la radio, ma quella trasmette solo un’interferenza o una poesia letta dalla voce di una ragazza. Forse c’è qualcosa di più interessante da fare fuori l’appartamento? 

Si scopre che si può solo raccogliere la spazzatura sparsa in giro e metterla fuori dalla porta. Le porte degli altri appartamenti non si apriranno, per quanto tu bussi. Nel cortile, puoi vedere un parco giochi vuoto, finestre illuminate di altre case (dove non si può entrare), o andare vicino dei negozi (che però sono chiusi: è notte). Se cerchi di allontanarti, puoi trovare al massimo un trattore solitario. Se provi a camminare nel bosco, il gioco inizia a rallentare e alla fine ti blocchi tra i cespugli. Apparentemente, un problema tecnico. Non resta che riavviare. 

Ciò che ha attratto molti giocatori è la sensazione di essere intrappolati. In effetti, quando vivi alla periferia di una piccola città russa, i giorni sembrano tutti uguali, soprattutto in inverno. Lo scenario è meticolosamente riprodotto nel gioco, con grande attenzione ai dettagli. E ti fa solo desiderare che questo gioco sia più completo. 

“Per prima cosa ho buttato le poesie nel cesso” 

Mi ritrovo nel corridoio,

A masticare una fetta di torta.

Sono uscito dalla cucina,

Ma per entrare nella stanza non ce n’era bisogno. 

Questa è una delle più di cento brevi poesie incluse nel libro che fa parte del progetto. Sono tutte molto minimaliste e poco ricche di significato o fantasia. Nel cortometraggio, le poesie del libro vengono lette o cantate da oscuri musicisti russi.

Ma gli utenti di Steam non prestano molta attenzione alle poesie, anche se Ilja Mazo, il padre del progetto, dice che le poesie sono “l’asse” dello stesso. “Per prima cosa ho buttato le poesie nel cesso”, ha scritto un utente sulla pagina del gioco su Steam. I russi vogliono solo giocare alla simulazione della disperazione e vogliono che sia accurata.

“I mozziconi di sigaretta sono ovunque, ma non puoi fumare. Non esiste ‘disperazione russa’ senza nicotina!”, esclama un altro giocatore. “Mi piacerebbe vedere di più della città reale, voglio il rumore degli appartamenti vicini, le urla degli ubriachi fuori dalle finestre!” 

I giocatori russi amano la disperazione, ma non perdono il loro senso dell’umorismo in nessuna situazione: 

“Create una versione multiplayer, voglio sfidare il mio amico a bere la vodka.”

“Perché posso fare solo uova strapazzate? Perché diavolo non posso fare una zuppa? Ho battuto le patate e il cavolo con un coltello per molto tempo, ma non riesco a tagliarle! PERCHÉ?!”

Anche alcuni giocatori di lingua inglese hanno apprezzato il progetto: “Se senti che la tua vita è stressante, dedicati a questo gioco: è troppo rilassante! Il mio consiglio è andare nel bagno, aprire il rubinetto e ascoltare il rumore dell’acqua che scorre e che ti porta via dal tuo mondo, dritto all’interno del gioco. È suggestivo, un po’ inquietante, ma molto rilassante.”

Altri utenti, tuttavia, sono apertamente scettici. Come fa notare uno di loro, il programma è troppo caro per un gioco indie basato su Unity. “È davvero troppo chiedere 200 rubli (2,70 euro) per un gioco che può essere compilato in Unity lavorandoci di notte”, dice un utente. “Il gioco non vale questi soldi”, dicono anche molti altri. E un’altra critica ricorrente è: “Il concept è bello, ma vogliamo più interazioni, più contenuti”.

Gli sviluppatori hanno risposto a una delle critiche. “Siamo completamente indipendenti, e siamo solo in due, per cui il gioco non è ottimizzato per l’hardware. Sarebbe stato difficile… Abbassate la qualità grafica e questo dovrebbe risolvere il problema. Abbiamo fatto del nostro meglio per creare il gioco, non incolparci se il tuo PC non funziona correttamente, altrimenti non avrai giochi sull’inverno russo, ma solo i vari Far Cries con milioni di budget”.

Ciò che risulta chiaro è che i russi non ne hanno mai abbastanza del dolore e della disperazione nelle loro vite. “Sto giocando a un simulatore di vita ambientato in una grigia casa prefabbricata sovietica fatta di pannelli di cemento, mentre sono seduto in una casa identica. Mi toccherà aspettare che esca la versione VR per sfuggire alla realtà e entrare in una identica!”, ironizza un russo.

 

Perchéi russi sono una nazione di masochisti ma sanno trarre benefici dalla sofferenza? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie