Perché i russi parlano così male l’inglese?

Natalya Nosova
La lingua di Shakespeare rappresenta un vero grattacapo per molti russi, che pur avendola studiata non sono in grado di parlarla. Le motivazioni sono da ricercare in questioni storiche, scolastiche e lavorative

Esiste un modo di scherzare molto comune tra le persone dell’est, che consiste nell’iniziare a parlare fra loro in inglese con un forte accento russo, proprio come fanno i cattivi slavi nei film di Hollywood. Le risate sono assicurate. E di fatto, il marcato accento slavo è una delle grandi esagerazioni di Hollywood. Non del tutto infondata però. 

Sapete che la maggior parte dei russi, così come gli italiani, non ha mai sentito la voce originale dei Simpson o di South Park? Mai! “Sono rimasto sconvolto quando ho sentito le voci doppiate di Homer, Marge e Bart”, ricorda Alex DeLarge, linguista che ha vissuto per un certo periodo in Russia. “La gente in Russia può guardare gli episodi di questa serie per decenni, senza mai scoprire quali sono le voci originali dei protagonisti!”.

E bisogna ammettere che è così. In Russia tutti i film, le serie tv e gli show televisivi stranieri vengono doppiati. Forse è questo uno dei motivi per cui i russi parlano così poco e male l’inglese. Il paese infatti occupa l’ultimo posto in Europa in termini di padronanza della lingua di Shakespeare (peggio solo Ucraina, Georgia e Turchia). Ma questa ovviamente non è l’unica spiegazione. 

I russi viaggiano poco all’estero

In effetti, vivere in Russia senza conoscere l’inglese non è un problema: tutti i film sono doppiati e i libri tradotti.

Chi viaggia all’estero, invece, sì deve fare i conti con l’idioma straniero: ma è un problema che riguarda ben poche persone. Il 72% della popolazione non ha nemmeno il passaporto e il 59% non ha mai messo piede fuori dall’Unione Sovietica. 

La scuola sovietica

Se chiedete a qualsiasi russo dove e per quanto tempo ha studiato l’inglese, la risposta probabilmente sarà sempre la stessa: “Circa otto anni a scuola, e poi all’università”. Potrà sembrare un periodo piuttosto lungo, ma alla fine il risultato per molti è lo stesso: “Si capisce qualcosa, ma non si è in grado di dire nulla”, dice Margarita Golomidova, insegnante. 

Così come spiega Katerina Litvinova, che ora vive a Londra, nella maggior parte delle scuole sovietiche, e poi in quelle russe, la grammatica ha sempre avuto la priorità sulla lingua parlata. Con il risultato però che nessuno è in grado di comunicare fluentemente. “Quando ho studiato all’università MGIMO, nessuno mi ha insegnato a scrivere lettere commerciali e documenti formali”, dice. 

Le motivazioni storiche

Prima della Seconda guerra mondiale l’inglese per l’Europa continentale era meno importante del francese o del tedesco. Durante il XVIII e il XIX secolo, l’alta società russa parlava prevalentemente in francese, ma anche il tedesco godeva di ampia diffusione. 

Una lingua difficile

Per molti russi, la grammatica inglese è molto difficile: dimenticano o confondono gli articoli “a”, “the”, che nella loro lingua madre non esistono. Ma ciò che pesa più di tutto è il timore di commettere un errore, come se gli fosse stato detto che ciò comporterebbe conseguenze gravissime!

“Non siamo in grado di rilassarci”, spiega Olga Fedorova, dalla Russia. 

Il mercato del lavoro

Infine bisogna riconoscere che l’inglese spesso non è indispensabile ai russi nemmeno sul lavoro. “Mi sono laureata in inglese, ma devo ammettere che la Russia ha un mercato interno del lavoro talmente grande che non è necessario imparare l’inglese e andare all’estero. Semplicemente non ha senso”, conclude Inna Anisimova, direttrice dell’agenza di pr PR Partner.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie