Traffico: è Mosca la città più congestionata dalle auto al mondo

Reuters
Maglia nera per la capitale russa, dove si trascorrono più di 200 ore al volante ogni anno

È Mosca la metropoli più congestionata dal traffico al mondo. È quanto emerge da uno studio condotto dalla società INRIX che ogni anno stila il Global Traffic Scorecard, la mappa delle località “prese d’assalto” dalle auto. Secondo la ricerca, la capitale russa veste la maglia nera a livello di ingorghi.

L’anno scorso, i residenti della megalopoli russa hanno passato al volante 210 ore; 53 in più di Istanbul che si posiziona al secondo posto della classifica per congestione stradale. Seguono Bogotà (Colombia, 272 ore), Città del Messico (Messico, 218 ore) e San Paolo (Brasile 154 ore).

Al decimo posto per congestione stradale al mondo si incontra Roma: la Città Eterna occupa però il secondo gradino della classifica per numero di ore passate al volante (254), seconda solo a Bogotà, dove nel 2018 si sono spese 272 ore in macchina.

A differenza delle città occidentali, Mosca ha iniziato ad affrontare i problemi legati alla motorizzazione di massa solo nel nuovo millennio, quando la situazione aveva già raggiunto un livello preoccupante. E mentre sino al 1982 l’automobile in Unione Sovietica era considerata un bene di lusso che solo il cinque percento dei moscoviti si poteva permettere, nel 1987 il diciotto percento degli abitanti ne possedeva una, e nel 2000 la loro percentuale aveva raggiunto il trenta percento. Oggi il traffico a Mosca è diventato quasi ingestibile, con lunghe colonne che formano immancabilmente ogni giorno all’ora di punta.

L’unico modo per evitare gli ingorghi è la metro, puntuale ed efficiente. Molto utili, durante la bella stagione, anche il servizio di bike sharing. In questo pezzo vi raccontiamo come sopravvivere nel traffico di Mosca per non farsi prendere dal panico quando ci si sposta tra i vari quartieri della capitale russa.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie