Da Stalin a Putin: su quali aerei volano i leader russi?

Il georgiano aveva paura di volare e salì a bordo di un velivolo (americano, peraltro) solo due volte nella vita. L’attuale presidente ha invece una bella flotta a disposizione, e non disdegna avventure estreme su caccia e bombardieri strategici

Stalin aveva paura di volare. Salì su un aereo solo due volte in vita sua, quando volò da Baku alla conferenza di Teheran e ritorno. Sorprendentemente, evitò tutti gli aerei sovietici e scelse il C-47 Douglas Skytrain di fabbricazione americana.

La sua prima visita ufficiale negli Stati Uniti, Nikita Khrushchev la fece sul gigantesco aereo di linea a lungo raggio Tupolev Tu-114, che era basato sul bombardiere strategico Tupolev Tu-95. Dopo essere atterrato alla Joint Base Andrews dell’Aeronautica militare degli Stati Uniti, nei pressi di Washington, gli americani non riuscirono a trovare una scala abbastanza alta per un tale velivolo. Khrushchev e la delegazione sovietica furono costretti a scendere sulla scala di un camion dei pompieri. 

L’aereo preferito da Nikita Khrushchev era l’aereo di linea Ilyushin Il-18, un quadrimotore turboelica. Gli piaceva l’idea che se anche due motori fossero andati in avaria, l’aereo ne aveva sempre altri due. Apparentemente non era a conoscenza del fatto che il guasto di entrambi i motori da una stessa parte avrebbe comunque portato quasi inevitabilmente a una catastrofe, anche se gli altri due avessero continuato a funzionare correttamente.

Leonid Brezhnev non era un fan del volo, ma non si rifiutò mai di spostarsi in aereo. Durante i voli sul suo amato Ilyushin Il-62M il leader sovietico amava giocare a domino. Oggi questo tipo di aereo non è più utilizzato per il trasporto di passeggeri. L’unico leader del mondo che vola ancora con un Il-62 è Kim Jong-un.

Un anno prima della sua elezione a primo presidente della Russia nel 1991, Boris Eltsin sarebbe potuto morire in una catastrofe aerea. Durante una visita non ufficiale in Spagna, l’aereo a sei posti su cui volava fece un atterraggio molto duro all’aeroporto di Barcellona, letteralmente cadendo sulla pista. Eltsin fu ricoverato in ospedale e sottoposto a chirurgia spinale di emergenza.

A differenza di Vladimir Putin, a cui piacciono i velivoli costruiti in Russia, Dmitrij Medvedev preferisce quelli stranieri. Vola sull’elicottero italiano AgustaWestland AW139, sull’aereo francese Dassault Falcon 7X e sull’Airbus Corporate Jet ACJ319.

Vladimir Putin è l’unico leader russo (se non globale) ad aver testato quasi tutti i tipi di velivoli. Nel 2000, ad esempio, durante la Seconda guerra cecena, ha pilotato un caccia Sukhoi Su-27 come secondo pilota da Krasnodar alla capitale cecena Groznyj.

Nel 2005, Vladimir Putin ha volato sul bombardiere strategico supersonico Tupolev Tu-160. “È stata un’esperienza indimenticabile! Tutto accadeva come in un sogno”, ha ricordato il presidente russo. 

Il presidente russo non è estraneo a veicoli aerei insoliti come il deltaplano motorizzato. Tuttavia, secondo Putin, il jet da combattimento è molto più facile da pilotare.

Anche se Vladimir Putin può scegliere tra otto aerei e due elicotteri, generalmente opta per l’Ilyushin Il-96-300PU, dotato di sala da pranzo, docce, servizi igienici per ospiti vip e persino di una palestra sportiva.

Che mezzi di trasporto (di cielo, di terra e di mare) ha Putin? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie