La magia del primo gennaio a Mosca

Chirag Nikam/Flickr
Strade deserte, silenzio, niente auto. Il primo giorno dell’anno avrete la possibilità di ammirare una città diversa e incantata

C’è un giorno, durante l’anno, in cui Mosca - questa megalopoli di quasi 20 milioni di persone - dorme fino a sera. Le strade sono deserte, in giro non si incrocia anima viva. Stiamo parlando del primo gennaio, quando ci si riposa dopo i lunghi festeggiamenti di Capodanno. Abbiamo parlato con quelle poche persone che il primo gennaio escono per lavorare, divertirsi o godersi i monumenti della città. 

“Una mattina del primo gennaio di un paio di anni fa ho cambiato completamente idea su questa città, dove vivo da 30 anni - ha detto Anton, fotografo -. Per la prima volta ho ‘rotto’ la tradizione di festeggiare con amici e familiari e ho trascorso la notte di Capodanno e la mattina successiva fuori. In questo giorno la città ha un volto diverso. Strade vuote, silenzio, la gente sembra diversa. E così ho preso la macchina fotografica e sono uscito alla ricerca di scatti interessanti”.

Un’occasione per festeggiare al lavoro 

Il personale medico ovviamente a Capodanno lavora. Ci sono molti casi di intossicazione alimentare e alcolica legate ai festeggiamenti.

Dmitry, che lavora in ospedale, dice che in questo giorno dell’anno si presentano spesso casi curiosi e divertenti. “Ero di turno il primo gennaio. Stavo trasportando un secchio per lavare il pavimento e in un momento di distrazione mi sono accorto che era sparito. Sono impazzito, ho pensato, chi mai avrà bisogno di un secchio? Poi ho scoperto che l’aveva preso l’autista dell’ambulanza per riempirlo di champagne e festeggiare con i suoi colleghi”.

Un’occasione per ammirare luoghi meravigliosi e stranamente deserti

Il primo gennaio è uno di quei giorni in cui si può ammirare una città deserta. “È l’unica occasione durante l’anno in cui si può passeggiare per i quartieri storici senza il traffico e il caos dei passanti - dice Artem, storico -. Alcuni luoghi di Mosca, senza macchine, sembrano fermi nel tempo, come se fossimo nel secolo scorso. Mi piace passeggiare per Zamoskvorechye, il quartiere dei mercanti del XIX secolo. Si tratta di angoli mozzafiato che sembrano usciti da un film. Il momento migliore per scattare belle foto è verso il tramonto”.

Una possibilità per guadagnare qualcosa

In questo particolare giorno dell’anno alcuni studenti ne approfittano per guadagnare qualche spicciolo. Dan, un giornalista, dice: “Ho lavorato in diverse occasioni il primo gennaio. Ero uno studente al secondo anno di università e mi è capitato di lavorare in un ostello. Alla fine eravamo tutti ubriachi ed è stato molto divertente. Ho lavorato anche l’anno successivo. La parte più difficile è stata scendere dal letto. Ma i colleghi mi hanno accolto con una bottiglia di whisky”.
Maksim invece lavora nella libreria Tsiolkovsky. “Siamo l’unica libreria di Mosca aperta il primo giorno dell’anno. Apriamo alle 3 del pomeriggio e alle 3:10 ci sono già clienti in negozio. La libreria è piena fino a sera”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie