Come sconfiggere l’inverno con tre tè russi di bacche

Legion Media
Questi frutti di bosco vi aiuteranno a rinforzare l’immunità e a fare il pieno di vitamine, grazie a infusi non solo salutari ma anche molto buoni

1. Brusnika (mirtillo rosso)

Anche se un po’ meno popolare di altre bacche, perché raccolto principalmente in parti molto remote della Russia, il mirtillo russo (“brusnika”; nome scientifico: Vaccinium vitis-idaea) è comunque mangiato abbastanza spesso dai russi, anche grazie alla sua reputazione di ottimo antiossidante e di aiuto nella perdita di peso. Il tè al mirtillo rosso vi darà una bella svegliata, dato che è dimostrato che gli zuccheri naturali di questa bacca vermiglia aumentano l’attività cerebrale. La bevanda fu introdotta in Russia in epoca sovietica, quando era presentata come ideale per chi studia e deve usare la testa, e si voleva competere con la produzione statunitense di cranberry, l’ossicocco americano (nome scientifico: Vaccinium macrocarpon), frutto di bosco molto simile e spesso confuso con questo.

Il mirtillo rosso ha un sapore spiccatamente acuto e fruttato, che si sposa bene con altri frutti e spezie. In effetti, dal momento che non è così corposo, in realtà nel tè si consiglia di combinare le bacche con ingredienti extra, al fine di ottenere il massimo del gusto dal vostro infuso.

Per preparare il tè al mirtillo rosso e all’arancia avrete bisogno di:

  • Acqua – 600 ml.
  • Mirtilli rossi – 100 gr.
  • Arancia – ½
  • Bastoncino di cannella – 1
  • Radice di zenzero – 2 cm.
  • Tè verde – un cucchiaino
  • Miele – 3 cucchiaini

Passaggio 1: Lavate i mirtilli e schiacciateli in un mortaio.

Passaggio 2: Mettete in un pentolino i mirtilli rossi, la mezza arancia, il tè verde, lo zenzero, la cannella e l’acqua pre-bollita. Fate bollire e lasciate in infusione con il coperchio per 15 minuti.

Passaggio 3: Aggiungete il miele, mescolate e filtrate.

Passaggio 4: Servite con una fetta d’arancia.

2. Oblepikha (olivello spinoso)

Questo arbusto miracoloso, originario del Caucaso, è stato bevuto per secoli nella grande madre Russia. E ancora oggi l’olivello spinoso rimane una delle piante officinali popolari più diffuse, grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie e di rafforzamento dell’immunità, che le rendono un’ottima opzione per tenere a bada i raffreddori. Sorprendentemente, si dice che l’olivello spinoso contenga più vitamina C degli agrumi e più vitamina E del grano. Se l’oblepikha (nome scientifico: Elaeagnus rhamnoides) è abbastanza buona da essere considerata un ottimo mangime per i cavalli, sarà certamente abbastanza buona per mantenere anche voi in salute.

Queste bacche non sono solo estremamente salutari, ma anche succulente, grazie alla loro pelle spessa e all’alto contenuto di succo, dal sapore specifico, allo stesso tempo dolce e aspro. Inoltre, quando vengono mescolate nel tè, producono un incredibile colore tendente all’arancione.

Per preparare il tè all’olivello spinoso e allo zenzero, avrete bisogno di:

  • Acqua – 600 ml.
  • Olivello spinoso – 150 gr.
  • Radice di zenzero – 4 cm.
  • Anice stellato – 2
  • Cannella – 1 bastoncino
  • Miele – 2 cucchiaini

Passaggio 1: Sbucciate e grattugiate la radice di zenzero.

Passaggio 2: Lavate l’olivello spinoso e schiacciate le bacche in un mortaio.

Passaggio 3: Mettete tutti gli ingredienti (tranne il miele) in un pentolino, fate bollire e lasciate in infusione per 10 minuti.

Passaggio 4: Servite con il miele.

3. Plody shipòvnika (cinòrrodo di rosa canina)

A prestar fede ai russi, una quantità sufficiente di cinorrodi (il falso frutto delle rose) garantirebbe una vita senza ictus e infarti. Potrebbe esserci qualche logica in questo: contengono quasi tutte le vitamine che si possano immaginare, tra cui A, B2, C, E e K, così come dosi salutari di ferro e fosforo.

Questo è stata per secoli uno dei fondamenti della dieta russa, con gli antichi slavi che soprannominavano le piante di rosa canina “alberi della libertà”, la cui fioritura significava l’inizio dell’estate. I cinorrodi sono raccolti principalmente nella Russia europea nel periodo estivo, ma sono così amati che molti fan irriducibili ne mettono a seccare una scorta, per rendere disponibile la bevanda che scalda il cuore anche durante i freddi mesi invernali.

Nonostante tutte le sue qualità e la somiglianza ai mirtilli rossi essiccati, un infuso di cinorrodi di rosa canina non è, tuttavia, come sapore, un sostituto delle bacche, ben più gustose. In realtà, il suo gusto astringente può essere abbastanza insignificante, e talvolta medicinale. Tuttavia, l’infuso è notevolmente migliorabile con menta, ibisco, zenzero e limone, mentre lo zucchero può aiutare ad affrontare l’acidità dei cinorrodi.

Per preparare il tè di cinorrodi di rosa canina e ibisco, avrete bisogno di:

  • Acqua – 600 ml.
  • Cinorrodi di rosa canina – 150 gr. (100 gr. se essiccati)
  • Fiori di ibisco essiccati – 4
  • Radice di zenzero – 4 cm.
  • Limone – ¼
  • Miele – 2 cucchiaini

Passaggio 1: Fate bollire delicatamente i cinorrodi di rosa canina e i fiori di ibisco nell’acqua per circa 5 minuti, schiacciando dolcemente i cinorrodi con un cucchiaio. Coprite e lasciate sobbollire per altri 10 minuti.

Passaggio 2: Grattate lo zenzero nella pentola e portate il tutto a ebollizione.

Passaggio 3: Aggiungete il miele e spremete il succo del limone nell’infusione. Lasciate riposare per 2 minuti.

Passaggio 4: Filtrate e servite.

Cinque regole d’oro per bere il tè come un vero russo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie