I russi e la gestione del denaro

Mikhail Voskresenskij/Sputnik
La maggior parte della popolazione non conserva un resoconto dei guadagni e delle spese familiari. E l’instabilità del rublo scoraggia i progetti a lungo termine, alimentando la tendenza del “qui e ora”

Acquisti inaspettati, viaggi dell’ultimo minuto, regali di compleanno… Manca più di una settimana all’arrivo dello stipendio e il vostro conto in banca è agli scoccioli. Questa situazione vi suona familiare? Tutto regolare. Qualunque sia il motivo, la conclusione è sempre la stessa: fino a un momento fa i soldi c’erano tutti, e poi all’improvviso, “puff”, sono spariti!
I russi si ritrovano molto in questa situazione. Ma come fanno a gestire il proprio budget?
Carpe diem
A quanto pare non è un problema che riguarda solamente me e i miei amici. Secondo Olga Kuzina, professoressa presso l’Alta scuola di economia, un russo su due si considera economicamente analfabeta, ovvero privo delle competenze necessarie per prendere decisioni finanziarie razionali.

“Se i consumatori acquistano prodotti finanziari senza capire precisamente come funzionano, ciò potrebbe avere delle ricadute negative sia su di loro, sia sull’economia in generale”, ha fatto notare Olga Kuzina durante la conferenza “La Russia contemporanea”, tenutasi il 21 agosto scorso presso l’Istituto Strelka.
Molte persone in Russia non tengono alcun tipo di contabilità in merito alle loro spese giornaliere e ai loro guadagni, e non fanno programmi di budget a lungo termine. Solo il 12%, spiega Kuzina, tiene un registro delle entrate e delle spese familiari, mentre solo il 14-16% pianifica il proprio budget con un anno di anticipo.
Nonostante questa generale disorganizzazione e la quasi totale assenza di una sana pianificazione del proprio budget, paradossalmente i russi riescono a vivere utilizzando le risorse economiche a propria disposizione, senza far ricorso a debiti.
L’individuo e il sistema

Come si spiegano queste tendenze? Secondo Kuzina, fare progetti a lungo termine rischia di rivelarsi inutile per due motivi. “Innanzitutto il reddito di molte persone è talmente basso che risulta abbastanza semplice fare calcoli approssimativi a mente. In secondo luogo, credo che la gente non possieda un piano strategico a lungo termine, e tenere traccia del proprio budget risulta troppo complesso: ciò avviene solo quando si guadagna una cifra molto consistente. Inoltre vi è la tendenza a fare progetti con largo anticipo solo quando vi è un obiettivo a lungo termine, come l’acquisto di un appartamento o di un’auto”.
Bisogna inoltre tenere presente che il sistema economico in sé non permette alle persone di diventare economicamente più istruite. “Il sistema stesso rende difficile pianificare un budget con anticipo”, spiega Kuzina.
“Come è possibile fare progetti quando lo stipendio non è stabile o quando il denaro finisce ancor prima di iniziare a pensare a una pianificazione a lungo termine?”, si chiede Roman Blinov, dell'International Financial Centre. “Bisogna essere in grado di pianificare razionalmente, e ciò richiede una certa conoscenza dell’economia in generale”.
Le tendenze

I russi condividono tra di loro un forte tratto nazionale, basato su un profondo spirito d’avventura e sul voler contare su forze esterne. “Non solo sarebbe inutile, ma addirittura controproducente, cercare di sradicare questa tendenza”, afferma Petr Pushkaryov, capo analista presso la società finanziaria Tele Trade.
“La nostra convinzione è più forte di qualsiasi tipo di calcolo, ci arriviamo per caso... e ciò si riflette anche nella realtà – spiega Pushkaryov -. È questo principio che guida la nostra economia. E ovviamente alla fine si crea un circolo vizioso. Una persona spesso si trova in difficoltà a fare progetti, perché tutti sanno che è difficile prevedere con un anno di anticipo l’andamento oscillante del valore del rublo. I risparmi accumulati nell’ultimo decennio potrebbero perdere il loro valore. Quindi se non investo, spendo i soldi che ho adesso”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie