Chihuahua o Carlino? Ecco i cani più gettonati in Russia

Natalya Nosova, Olga Konina
In passato si preferivano i cani di taglia grande per difendersi dai criminali. Oggi i russi scelgono amici a quattro zampe più piccoli, giocherelloni e intelligenti. Ecco quali sono le razze più richieste nel paese

“Negli anni Novanta in Russia erano molto popolari i cani da combattimento, perché la gente voleva proteggere le proprie case e le proprie famiglie dai criminali. Tra i cani più richiesti c’erano i rottweiler, i mastini napoletani e i pastori caucasici”, spiega Vladimir Urazhevsky, presidente dell’Unione delle organizzazioni canine della Russia.
Da allora la situazione è cambiata e le persone preferiscono cani di piccola e media taglia: razze che vivono a lungo, sono abbastanza facili da tenere, intelligenti e attive.
Non esistono statistiche ufficiali in merito alle razze da allevamento più diffuse in Russia, e in effetti ci sono dei dati contrastanti. Due organizzazioni, la Russian Kynological Federation (RKF) e la Russian Canine Organisations Union (SKOR), ci hanno tuttavia fornito alcuni dati relativi all’anno 2017 sulla popolarità delle razze. Ecco quali sono gli amici a quattro zampe più diffusi in Russia.
1. Spitz tedesco

Nel 2017 sono stati registrati presso la RKF (Russian Kynological Federation) più di 70.000 cani appartenenti a questa razza. Si tratta di un delizioso cagnolino simile a un volpino. Simpatico e giocherellone, è un tipo di cane amato da tutti: non sorprende infatti che si trovi in cima alla classifica.
Tuttavia questo cagnolino può talvolta rivelare un carattere non facile da gestire.
2. Yorkshire Terrier

Tra le razze più gettonate di “toy-dog” c’è lo Yorkshire Terrier, registrato più di 43.000 volte. La vendita di vestitini e scarpine per questi cuccioli è già diventata un’attività molto redditizia.
3. Chihuahua

È il cagnolino più piccolo del mondo e in tutto il paese ne sono stati registrati 41.000 esemplari. A giudicare dal suo aspetto “mignon”, potrebbe essere facilmente confuso con un topolone grassottello. Si dinstingue per la buona salute, l’intelligenza e le spiccate doti comunicative.
4. Pastore tedesco

Questo cane è molto utilizzato dalle forze dell’ordine e in Russia ne sono stati registrati 24.000 esemplari. Ha un carattere equilibrato e pacifico, ed è flessibile per vari tipi di allenamento. È tra i cani più intelligenti che esistano, insieme al Border Collie e al Barboncino.
5. Labrador Retriever

Esistono 22.000 esemplari di Labrador Retriever registrati in Russia nel 2017. Anche il presidente russo possiede un cane di questo tipo.
6. Husky siberiano

Questo cane da slitta è originario dell’Estremo oriente russo. Con i 20.000 esemplari registrati, è uno dei cani più gettonati in Russia. La sua popolarità è aumentata dopo la famosa serie TV Games of Thrones.
7. Pastore dell’Asia Centrale

Questa razza (17.000 esemplari registrati) è conosciuta anche come Alabai. È un cane originario dell’Asia Centrale e viene usato anche come cane da servizio. È una delle razze più antiche di cani.
8. Jack Russell Terrier

Questa razza proviene originariamente dalla Gran Bretagna. L’anno scorso all’RKF sono stati registrati più di 14.000 esemplari.
9. Carlino

Con quel suo musetto rugoso e la coda arricciata, il Carlino è originario dell’antica Cina, dove era molto popolare tra gli aristocratici. Successivamente questa razza fu portata in Francia e in Europa, e anche lì divenne molto gettonata tra le famiglie di aristocratici. E ai russi piace sentirsi un po’ aristocratici: ecco il motivo per cui nel paese nel 2017 sono stati registrati 12.000 esemplari di Carlino.

10. Bulldog francese

In Russia i Bulldog francesi sono apparsi all’inizio del XX secolo. Era una razza molto popolare nell’alta società. Il cantante Fyodor Shalyapin e il poeta Vladimir Mayakovsky possedevano proprio un cucciolo di Bulldog francese. Alla fine della Seconda guerra mondiale questa razza quasi scomparve a causa della sua associazione con l’intelligenzia. È tornata di moda oggi, con oltre 11.000 esemplari registrati in Russia nel 2017.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie