Che lingue si parlano in Russia (russo a parte)?

Natalya Nosova
Nel Paese più grande del mondo ci sono centinaia di idiomi parlati spesso da piccoli gruppi nazionali. Alcuni sono complicatissimi: hanno per esempio un alfabeto con 65 consonanti, oppure declinazioni con 46 casi…

Pensate che il russo sia difficile da imparare? Da un lato, non avete tutti i torti. Lettere ultraterrene, difficili da pronunciare come “ы” e “щ”, sei casi, almeno due varianti di ogni verbo a seconda dell’aspetto (perfettivo e imperfettivo)… Tutto ciò sembra davvero una sfida difficile da vincere.

Ma rispetto ad alcune delle tante altre lingue parlate in Russia, il russo è una bazzecola. Se pensate che sei casi siano difficili, che ve ne parrebbe di imparare una lingua che ne ha tra 44 e 46 (i linguisti continuano a discuterne)?

“Uzuz uwu kkunduzuz”

Prima di tutto, diciamo che sì, questa è una vera lingua parlata da gente comune, e non tutti sono dei geni. La lingua tabasarana è considerata una delle più difficili del mondo. Ci sono circa 125.000 locutori di questo complesso idioma che vivono nella Repubblica del Daghestan (situata nel Caucaso settentrionale) e che crescono parlando questa lingua. A quanto pare, “ti amo” si dice “Uzuz uwu kkunduzuz”.

Un’altra repubblica meridionale, la Karachaj-Circassia, ospita un altro popolo caucasico dalla lingua ostica: gli abazi. Il loro alfabeto contiene 71 lettere (per un confronto, quello russo ne ha 33, quello italiano 21), solo sei delle quali sono vocali. Tutte gli altri suoni sono 65 consonanti, tutte o fischianti o sibilanti, il che rende quasi impossibile per i non madrelingua comprendere la differenza tra loro. In quanto tale, “imparare l’abazino da soli è praticamente impossibile”, dicono gli esperti. Che peccato!

Ma non pensiate che il Caucaso sia l’unica parte della Russia in cui si parlano lingue esotiche. In Estremo Oriente, il popolo eschimese della Chukotka parla un linguaggio bello ma piuttosto complicato (ha 63 forme per ogni verbo). “Internet” si dice “ikiaqqivik”: letteralmente “il viaggio attraverso più livelli”. Non è bello?

L’inglese domina il mondo

Ufficialmente parlando, ci sono più di 30 lingue in Russia che hanno uno status ufficiale, e queste sono solo quelle statali. Secondo la Costituzione (articolo 68), “le Repubbliche [all’interno della Russia] hanno il diritto di stabilire le loro lingue di Stato”. E così fanno: ad esempio, in Tatarstan, il tataro viene insegnato nelle scuole, nella repubblica di Ciuvascia è insegnato il ciuvascio, e così via.

Ciò non significa, tuttavia, che queste lingue siano molto diffuse. Quando è stato chiesto, durante il censimento del 2010, “Quali lingue parli?” L’inglese è stato nominato più spesso dopo il russo da 7,5 milioni, ovvero il 5,48%, delle persone intervistate. Dopotutto, è insegnato nelle scuole quasi ovunque, e le più grandi lingue minoritarie, come quella tatara, raggiungono a malapena il 3%. Lingue come la tabasarana o quella degli eschimesi di Chukotka sono esotiche per i russi etnici come lo sono per gli stranieri.

Lingue a rischio estinzione

In questo contesto, è difficile dire se le lingue meno comuni in Russia continueranno a vivere o se stiano lentamente morendo. L’estinzione di molti idiomi è una vera minaccia, dato che il russo, in modo pacifico ma inesorabile, le sostituisce nell’uso quotidiano. “Le persone che vivono all’interno di comunità nazionali [etnicamente non russe] tendono a credere che parlare il russo sia la loro chiave per il successo sociale, la promozione nella vita”, dice Sergej Tatevosov, che dirige il dipartimento linguistico dell’Università statale di Mosca.

In altre parole, puoi amare le ninnananne nella rara lingua in cui tua madre te le cantava, ma il russo è una necessità nelle grandi città, e così tante persone appartenenti a minoranze etniche tendono a perdere i legami con le loro radici. Tatevosov dice che questo può ferire la cultura russa, dal momento che “L’idea della Russia si basa allo stesso tempo sull’unita e sulla diversità, dando a tutti l’opportunità di essere se stessi. In questo contesto, è importante preservare e rafforzare le lingue di tutti i popoli che vivono qui”.

Polemiche sulle lingue imposte

Allo stesso tempo, non tutti i russi etnici sono felici che le lingue delle minoranze nazionali siano insegnate nelle scuole delle regioni in cui vivono. Ad esempio, dopo che il presidente Putin ha espresso il punto di vista secondo cui “è inaccettabile costringere una persona [a scuola] a studiare una lingua che non è la sua lingua madre”, diverse centinaia di persone hanno protestato sull’istruzione obbligatoria della lingua tartara in tutte le scuole del Tatarstan.

“Capisco la preoccupazione dei genitori di lingua russa in Tatarstan”, ha detto Aleksej Kozlov dell’Istituto di linguistica dell’Accademia delle scienze russa. “Perché i miei figli dovrebbero imparare una lingua non madre a cui non sono abituati, usando i libri di testo per i bambini di lingua tatara?”

Il 25 luglio 2018, la Duma di Stato russa ha approvato una legge che cerca di accontentare tutti. Dice che nelle repubbliche nazionali ci sarà una materia chiamata “lingua nativa”, e coloro che scelgono il russo potranno studiare in russo invece che in tataro, buriato o tabasarano. Questo dà a tutti la libertà di scegliere, e così ora il destino delle lingue diverse dal russo sarà deciso dalle minoranze nazionali e indipendentemente dal fatto che scelgano di studiare le loro lingue nazionali.

Come diavolo faccio a imparare il russo? E perché dovrei? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie