Scoperte scientifiche e catastrofi naturali: le previsioni degli astrologi russi per il 2018

Natalya Nosova
Secondo alcuni ci sarà un ritorno agli anni della perestrojka. Secondo altri ci si avvicinerà a un pericoloso scontro nucleare. E chi vincerà le elezioni di marzo? La parola agli indovini

Volendo essere onesti non si può dire che il 2017 sia stato un anno facile. Catastrofi naturali, tensioni geopolitiche, guerre, attacchi terroristici. Cosa bisogna aspettarsi da questo 2018 appena iniziato? Abbiamo selezionato per voi le previsioni fatte da alcuni astrologi russi.

In un video-pronostico pubblicato alla fine dell’anno il celebre astrologo Pavel Globa ha reso note le sue previsioni. “Il 2018 sarà un anno molto difficile. Porterà con sé eventi inaspettati”. E ha aggiunto: “Sarà un anno ricco di conferenze, negoziati, dibattiti e sarà caratterizzato dalla nascita di nuove tendenze, sia a livello politico, sia a livello economico. Nell’autunno 2018 si vedrà un ritorno agli anni della perestrojka. Si tratterà di un periodo caratterizzato da duri scontri e dalla nascita di una nuova opposizione, non solo in Russia ma anche in altri paesi. Dobbiamo aspettarci dei cambiamenti di governo in alcuni Stati, soprattutto nei paesi dell’Est”.

Pavel Globa poi non esclude le catastrofi. “È possibile che in autunno ci si ritrovi ad affrontare catastrofi, mentre l’estate può essere caratterizzata da inondazioni e terremoti. Potrebbe verificarsi una catastrofe anche tra ottobre e novembre”.

Inoltre, secondo Globa, “non vi è alcun motivo per pensare che i leader mondiali (Putin e Trump, ndr) vengano sostituiti quest’anno”.

Anche Natalia Nesterenko, astrologa e psicoterapeuta, è convinta che il 2018 sarà un anno intenso, così come si può leggere sulla sua pagina web. “Sarà un anno di tendenze contraddittorie. Progresso, libertà e innovazione entreranno a far parte della nostra vita, mentre le dinamiche familiari subiranno dei cambiamenti”.

Secondo Natalia Nesterenko “molte idee rivoluzionarie e futuristiche nate negli ultimi sette anni prenderanno vita proprio nel 2018”. Inoltre “si svilupperà il mercato delle cripto-monete che cambierà il volto dell’economia mondiale”.

A giudicare dalle previsioni realizzate da Nesterenko, l’umanità svilupperà nuove tecnologie green.

“A fine luglio potrebbero verificarsi catastrofi mondiali, crisi e disastri, ma anche passi in avanti dal punto di vista tecnologico, scoperte scientifiche e innovative che riguarderanno anche la finanza, l’economia e la gestione delle risorse naturali”.

Anche l’astrologo russo Aleksej Kulkov ha pubblicato le sue previsioni sul proprio sito internet. “Nel 2018 potrebbero concretizzarsi alcune ‘scelte impopolari’ e potrebbe verificarsi un giro di vite a livello legislativo. Inoltre potrebbero nascere nuove regole legate al settore finanziario. Infine la Russia potrebbe ritrovarsi in una situazione instabile dal punto di vista economico”.
Secondo Kulkov il 2018 potrebbe essere caratterizzato da alcuni tragici eventi, forse relazionati a proteste di massa brutalmente soffocate.
“Nel marzo 2018 la situazione politica resterà invariata e l’élite al governo non cambierà”.

L’astrologa Svetlana Dragan si dice convinta che il nuovo anno sarà caratterizzato da intensi sviluppi politici che potrebbero sfociare in conflitti aperti.
“La lotta per la leadership finanziaria si farà ancora più feroce. È forse giunto il momento di costruire un nuovo ordine mondiale...”.

Secondo Svetlana Dragan “l’umanità si dirige verso un confronto nucleare. E la Terra si sta avvicinando a un intenso periodo di attività sismica da cui deriveranno catastrofi colossali. Eventi di questo tipo potrebbero verificarsi in estate”.
Inoltre “la guerra per le risorse naturali si farà ancora più dura ed emergeranno nuovi protagonisti. Il prezzo del petrolio crescerà”.

Nel futuro più immediato, secondo Svetlana Dragan, si intravede “la chiara possibilità di una guerra per la Russia, che spingerà il Paese a rivalutare non solo la propria immagine ma anche l’élite di governo”.

Infine “gli scontri in Ucraina potrebbero intensificarsi di nuovo all’inizio di febbraio. Sarà una situazione difficile, soprattutto per la Russia e le tensioni politiche saranno feroci”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond