Perché i russi portano la fede alla mano destra?

Katya Lobanova
In Italia e in altri Paesi occidentali (ma non, per esempio, nella pur cattolica Polonia) l’anello simbolo dell’unione coniugale si porta a sinistra. In Russia fanno all’inverso, e la tradizione viene dritta dall’Antica Roma

Come in ogni Paese, i matrimoni russi possono essere molto diversi tra loro. Alcune coppie organizzano banchetti sontuosi, invitando tutte le persone che conoscono, compresi i lontani parenti che vivono all’estremità opposta della Russia. Altre, trascorrono il grande giorno in una piccola compagnia, invitando solo le persone più care. C’è chi va anche in chiesa per celebrare il matrimonio religioso, mentre molti si limitano alla cerimonia civile nell’apposita sala dei matrimoni, chiamata Zags (dall’acronimo del Registro dello stato civile).

L’unica cosa in comune a tutti i matrimoni russi è che si beve e si danza in quantità. E poi, ovviamente, c’è lo scambio degli anelli. Che sposo e sposa si calzano l’un l’altro all’anulare della mano destra. Sì! Destra.

Da Roma a Mosca

La tradizione dell’anello come simbolo del matrimonio risale ai tempi antichi. Plutarco, storico greco che visse nel 46-120 d.C., menzionò in un suo scritto il fatto che gli egizi portavano anelli di nozze sul quarto dito della mano sinistra. Gli antichi credevano che una speciale vena collegasse questo dito direttamente al cuore, simbolo di amore e fedeltà.

Quindi i Greci e poi i Romani probabilmente “presero in prestito” l'usanza dai loro vicini egizi. Ma quale mano scelsero? Come la designer di gioielli Kate Miller-Wilson scrive in un articolo per LovetoKnow, “I romani portavano gli anelli di nozze alla mano destra, poiché la mano sinistra era considerata di cattivo auspicio e inaffidabile”.

La Chiesa Ortodossa ereditò l'usanza dai Romani (attraverso Bisanzio) e, così, la tradizione si radicò tra gli antenati de russi moderni, con la cristianizzazione del Paese dopo il 988. In un certo senso, si può dire che i russi abbiano preso l’abitudine di tenere la fede alla mano destra da Giulio Cesare e da Cicerone.

Cambia la mano, non il significato

La domanda “A quale mano va portata la fede nuziale?" non ha una risposta direttamente collegata alla confessione religiosa. Per essere più precisi, la scelta della mano dipende non solo dalla religione, ma anche dalle abitudini nazionali. Per esempio, in Polonia, Paese a grande maggioranza cattolica, le persone sposate portano gli anelli alla mano destra, in Italia a sinistra.

Per quanto riguarda i Paesi dell'Europa occidentale e gli Stati Uniti, la maggior parte dei loro abitanti preferisce la mano sinistra, che è considerata più vicina al cuore. Inoltre, a volte le persone hanno due serie di anelli (uno per il fidanzamento e un altro per il matrimonio) che possono essere indossati su mani diverse. In generale, è irrilevante la mano su cui viene indossato l’anello; resta più importante ciò che simboleggia: la persistenza dell’amore tra due persone sposate.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale