Freddo, alcol, donne: 8 argomenti da evitare durante una conversazione con i russi

Se non volete mandare in fumo una bella chiacchierata tra amici, scansate questi temi! Potrebbero far infuriare il vostro interlocutore, annoiarlo o causare accese discussioni. Uomo avvisato, mezzo salvato...

1 Perché sembri così triste?

“È la mia faccia normale”, vi risponderebbe, con ogni probabilità, un russo. “Sorridere senza alcuna ragione è sintomo di essere uno sciocco”, recita infatti un antico proverbio locale. Ciò che gli occidentali identificano come pessimismo, i russi lo associano a una visione realistica del mondo. Ed è considerata una virtù essere in grado di prevedere gli eventi negativi che si possono verificare.

Quindi è probabile che, davanti alla vostra faccia perplessa, non ci sia una persona triste, ma semplicemente una persona che si preoccupa di rendere il mondo un luogo migliore. E forse un po’ irritata del tuo atteggiamento “superficiale”.

2 Come fai ad avere freddo? Sei russo!

No, non tutti i russi sono nati in Siberia, dove le temperature sono quasi sempre sotto zero. Molte persone provengono dalla Russia centrale o dal sud, dove il clima non è molto diverso da quello dell’Europa continentale. Contrariamente a molte credenze, i russi non escono in pantaloncini corti e ciabatte sulla neve!

3 Bevi di più, sei russo!

“Pensi che siamo tutti alcolizzati?”, vi sentireste rispondere con ogni probabilità. Pare infatti che i russi detestino i commenti relativi all’alcool. Al giorno d’oggi le statistiche indicano un miglioramento per quanto riguarda il consumo di bevande alcoliche. Quindi fate attenzione con questa frase... potrebbe toccare un nervo scoperto!

4 Crimea, politica estera, missili, hacker, Siria... Cosa ne pensi?

Davanti a questa domanda, potreste ritrovarvi davanti persone che difendono a spada tratta la politica del proprio Paese e le discussioni potrebbero prolungarsi per ore intere, causando spiacevoli disaccordi. Alcuni russi, infatti, tendono a prendere le cose seriamente.

L’altra possibilità è che il vostro interlocutore si senta insultato, preso di mira. “Crimea? Pirati informatici? Esercito? Io non ho niente a che vedere con queste cose!”, vi potrebbe rispondere.

Quindi selezionate con attenzione il vostro interlocutore... e le domande che desiderate porgli!

5 Sul serio le vostre strade, l’economia e la situazione politica del vostro Paese sono ridotti così male?

A quanto pare i russi sono gli unici che possono permettersi di criticare il proprio Paese. E ci mancherebbe altro! Molti di loro potrebbero infatti raccontarvi le cose terribili che ci sono qui o quelle che non funzionano... fino a quando si renderanno conto che voi siete d’accordo con loro! A questo punto, rischiate di scatenare l’inferno: “E tu cosa ne sai? Non hai mai vissuto in Russia, non sei nato qui!”. Quindi, come stranieri, limitatevi ad ascoltare...

Ricordatevi infatti che la maggior parte dei russi è alquanto patriota e qualsiasi argomento che riguardi la Russia potrebbe suscitare accese discussioni.

6 Stai educando tuo figlio in modo sbagliato

Questo ha molto a che vedere con il punto 5. I russi sono molto protettivi con i figli e con il modo in cui sono stati educati. Ogni mamma ha infatti il proprio metodo per crescere i figli e i consigli non richiesti ricevuti da altre persone potrebbero non essere ben accetti.

7 Le donne russe sono così belle...

Sì, i russi sono perfettamente consapevoli di questo. Per loro è normale. E, a essere onesti, spesso risulta noioso il fatto che questo concetto, per loro ovvio, venga ribadito e ripetuto così tante volte. Perché non proporre un tema più originale?

8 Non è stata la Russia ad aver vinto la Seconda guerra mondiale!

Questa affermazione potrebbe mandare in fumo qualsiasi conversazione! Novantanove russi su 100 infatti si lancerebbero immediatamente in accalorate discussioni. Non dimenticate che ogni anno il 9 maggio si celebra il Giorno della Vittoria in tutto il Paese, e la fine della Seconda guerra mondiale è interpretata come un trionfo indiscutibile dell’Unione Sovietica. Quindi non perdete tempo con discussioni che rischiano di accendersi troppo, meglio evitare simili argomenti.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale