Sempre più russi smettono di fumare

TASS
In cinque anni si è dimezzata la quantità di sigarette consumate. In aumento invece i dispositivi elettronici

I russi sembrano dire addio alle vecchie cattive abitudini. Questo perlomeno ciò che emerge da un sondaggio realizzato dal centro Romir, secondo il quale sempre più cittadini della Federazione stanno smettendo di fumare. La fotografia scattata dallo studio dimostra infatti che i russi oggi stanno fumando la metà delle sigarette che venivano consumate cinque anni fa.

Su un campione di 1.500 intervistati, oggi solo il 26% confessa di fumare, a fronte del 40% del 2013. Stanno invece raddoppiando le persone che utilizzano sigarette elettroniche, narghilè o vaporizzatori, passate dal 4 all’8%. In questo caso si tratta perlopiù di ragazzi di età compresa tra i 18 e i 24 anni.

Secondo il sondaggio, chi fuma consuma in media 17 sigarette al giorno. Si tratta perlopiù di uomini (42%), mentre le donne dichiarano di fumare meno (13%).

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale