Un nuovo progetto di Google racconta le realtà più remote e interessanti della Russia

Si chiama “Beyond capitals” e ha l’obiettivo di raccogliere e divulgare attività e iniziative lanciate nei luoghi più remoti del Paese. Abbiamo selezionato per voi le storie più curiose

Oltre a Mosca c’è di più. Molto di più. Le bellezze più autentiche della Russia, così come in ogni Paese, si trovano infatti anche fuori dai confini della capitale: nelle provincie lontane e nelle zone più remote. E nel tentativo di dare visibilità ai luoghi e alle persone che stanno valorizzando queste realtà lontane, Google in Russia ha lanciato un nuovo progetto.

Il nuovo progetto si chiama “Beyond capitals” ed è nato con l’obiettivo di tracciare una mappa delle attività più curiose, interessanti e singolari che si possono incontrare in Russia. Gli ideatori del progetto sono infatti alla ricerca di storie da raccontare: storie che possano dare l’ispirazione per migliorare la realtà circostante, il Paese e anche un po’ sé stessi. Ne abbiamo selezionato qualcuna per voi.

Scuola di surf

Forse non tutti si aspettano che in Kamchatka, nell’Estremo oriente russo, si possa fare surf. Qui, dove le temperature estive difficilmente superano i 15 °C, un giovane imprenditore e appassionato di surf, Anton Morozov, ha aperto una scuola di surf sulle coste dell’Oceano Pacifico.

La scuola “Snowave” (la prima scuola di surf aperta in Russia, inaugurata nel 2010) promette eccitanti avventure, cavalcando onde di un metro a una temperatura media dell’acqua di 12-15 gradi. Una masterclass di due ore costa 2.500 rubli (circa 45 dollari). Ma prima di tutto, ovviamente, dovrete essere in grado di raggiungere la Kamchatka!

Tour nell’Artico

Se le fredde acque della Kamchatka non vi sembrano abbastanza, allora forse dovreste dare un’occhiata a questo villaggio turistico di Spitsbergen, sulle isole Svalbard, un arcipelago del mare Glaciale Artico a circa 2.700 chilometri a nord di Mosca. Qui, in questi luoghi inospitali dove la temperatura massima nei mesi più caldi sfiora appena i 5 gradi, l’imprenditore russo Timofej Rogozhin ha avviato il proprio business: la compagnia Grumant, che organizza viaggi ed escursioni in queste terre davvero eccezionali.

Anche se questo arcipelago appartiene ufficialmente alla Norvegia, i cittadini russi non hanno bisogno di visto per entrare e possono avviare senza particolari problemi nuove attività commerciali. Prima di iscrivervi a questo eccezionale tour però dovete tener presente che su questa isola vivono 4.000 orsi polari... a fronte di solo 3.000 esseri umani!

Vintage

Molte delle iniziative raccontate da Google non hanno nulla a che vedere con il turismo: è il caso di questi piccoli microfoni vintage, fatti a mano ed esportati in tutto il mondo con il nome di “Soyuz”. La ditta che li produce è di Tula, a 180 chilometri a sud di Mosca, e vende questi gioiellini in Europa, Australia, America, Medio oriente e in Asia.

Magadan 360

Molti dei progetti selezionati da Google sono stati avviati da semplici appassionati e sono gestiti da singoli individui o da piccoli gruppi di persone. È il caso di Magadan 360 che ha selezionato i luoghi più impressionanti della città che meritano una visita.

Corse con cani da slitta

Cosa ne dite di lanciarvi all’avventura a bordo di una slitta trainata da cani? Molti appassionati di questa disciplina si radunano nel villaggio di Kabarskoye, vicino a Nizhnyj Novogord (a 500 chilometri a est di Mosca), per provare le prestazioni dei proprio cani. Divertimento e selfie sono assicurati! 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale